Caritas della Diocesi di COMO
Viale Cesare Battisti, 8 - 22100 Como
Tel. 031/331.23.33
Fax. 031/331.23.40

www.CaritasComo.it
info@CaritasComo.it

Skip Navigation LinksCaritasComo.it > Servizi e Settori > Raccolta Indumenti

Servizi e Settori

Raccolta indumenti usati

 

  Dal 2006 siamo in grado di dare conto del nuovo assetto che questo servizio assume, dopo gli accordi che si sono stretti con chi si occupa del ritiro e con chi opera nel campo del riutilizzo dei vestiti e dei tessuti. Cerchiamo di riassumere per punti:

 

  1. Il ruolo della Caritas Diocesana
    La Caritas assume un ruolo di puro patrocinio dell'iniziativa da pochi mesi è comparso sui cassonetti una scritta che recita: "con il patrocinio della Caritas Diocesana di Como". Il motivo della concessione dell'utilizzo del proprio nome viene dal fatto che si riconosce la validità di un recupero e di un riutilizzo di ciò che a noi non serve più, ma ad altri potrebbe ancora servire o comunque non deve andare sprecato. Ma soprattutto si riconosce il ruolo che la cooperazione sociale e il volontariato possono avere sia nell' inserimento lavorativo di persone svantaggiate attraverso questa attività, sia nell'invio di parte dei proventi che ne ricavano per iniziative di solidarietà, specie all'estero.
  2. Chi ritira i vestiti
    Nella zona di Como il ritiro vestiti è operato dalla cooperativa sociale "La Villetta" di Lomazzo e dalla Cooperativa Sociale "Orizzonti" di Cantù, per la Provincia di Sondrio è a cura del Mato Grosso, Associazione "Insieme per il Perù" (vedi riquadri in basso). Nello specifico del ritiro vestiti, la Villetta inserisce giovani che stanno facendo percorsi di recupero, il Mato Grosso mobilita forze sempre nuove di volontariato. Entrambi inviano parte dei compensi che ricevono dalle aziende per cui fanno questo lavoro per progetti sociali in Perù. I loro nomi e le modalità per rintracciarli compariranno sui cassonetti. Sono infatti questi due enti ora pienamente responsabili per il ritiro, non più la Caritas.
  3. Il ruolo delle Parrocchie e dei Comuni
    E' importante la disponibilità che molte Parrocchie e Comuni hanno dato per il posizionamento dei cassonetti. Nei loro confronti non cambia nulla: la Cooperativa e l'Associazione faranno fronte a tutti gli impegni presi. La Caritas continua a fare da garante nei confronti delle Parrocchie e la sua Fondazione garantirà per le convenzioni con i Comuni.
  4. Le aziende che operano nel campo del recupero dei vestiti usati
    Si tratta di un vero e proprio mercato. Si parla di tonnellate di vestiti all'anno solo nella nostra piccola realtà. E' chiaro che solo una piccola parte servirebbe per chi da noi ha bisogno di vestiti. L'azienda Tesmapri, con la quale siamo in rapporto ormai da anni, ricicla tutti i vestiti che possono poi essere commercializzati a basso prezzo, specie in Nord Africa. Riutilizza comunque i tessuti dei vestiti non recuperabili. L'azienda si è sempre impegnata per iscritto su alcuni aspetti etici, specie nei confronti dei diritti dei lavoratori.
  5. A chi dare i propri vestiti usati e un richiamo alla sobrietà
    I cassonetti sono il luogo normale a cui consegnare ciò che non ci serve più. Se proprio si avessero capi di vestiario particolari e specifici (es. tutto per bambino o per donna), la Caritas è a disposizione per dare indicazioni su come farli giungere alla migliore destinazione possibile, compresi i diversi vestiari che distribuiscono ai bisognosi. Nel concludere questo discorso occorre anche dire di pensarci bene: veramente non usiamo più ciò che abbiamo nell'armadio? Non è che qualche volta il più bel dono, l'opera vera di carità, fatti salvi i diritti di chi produce e di chi commercia, è anche quella di non sprecare una risorsa che già abbiamo e di destinare ad altro ciò che spenderemmo per l'acquisto di altri vestiti?

 

 

 

Quali vestiti e Chi li ritira (formato PDF Icona PDF)

 

 

 

www.CaritasComo.it - Caritas Diocesana COMO - giovedì 24 gennaio 2019, ore 03.38