Skip Navigation LinksCaritasComo.it > Area Internazionale > Sensibilizzazioni ed Eventi > iniziative pregresse sensibilizzazioni ed eventi

Area Internazionale

iniziative pregresse sensibilizzazioni ed eventi

 

 

CAMPAGNA AVVENTO-NATALE 2014 DI CARITAS ITALIANA

 

Nel tempo di Avvento e Natale, tempo di attesa ma anche di accoglienza e di condivisione, viene spontaneo pensare alla Sacra Famiglia di Nazareth, dove “Gesù cresceva e si fortificava” (Lc 2,40). Così ogni bambino, all’interno della propria famiglia, dovrebbe trovare il luogo naturale per il proprio sviluppo umano e cristiano, secondo il progetto di Dio. Purtroppo, però, a molta parte della popolazione mondiale non è garantito cibo, né acqua potabile, né ambiente sano, né lavoro, né libertà, né pace.

La campagna nazionale di Caritas una sola famiglia umana cibo per tutti, promossa insieme a una trentina di organismi, associazioni e movimenti ecclesiali, ci ricorda che è compito nostro contribuire a cambiare la situazione e, sulle parole di Papa Francesco, “agire come una sola famiglia”. Lo stesso tema del diritto al cibo rappresenta anche l’elemento centrale dell’impegno di Caritas verso l’Expo di Milano nel 2015. Ogni settimana approfondiremo la riflessione su un tema legato alla Campagna: diritto al cibo, finanza giusta, relazioni di pace... seminando nella nostra quotidianità (di persone, famiglie e comunità cristiane) un seme di cambiamento e di rinascita.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 

 

CROCE DI LAMPEDUSA”, TERMINATO IL VIAGGIO IN DIOCESI

 

 

"Portatela ovunque": con queste semplici parole Papa Francesco ha benedetto, la scorsa primavera in piazza San Pietro, la "Croce di Lampedusa", costruita con i pezzi dei relitti dei barconi utilizzati dai migranti giunti in questi mesi sulle coste italiane e ha esortato a “presentarla” ovunque, attraverso una serie di tappe nel nostro Paese, come simbolo di sofferenza, ma anche come segno di speranza, testimonianza e armonia tra le comunità, le città, le parrocchie, le fedi e le diverse culture. 

 

Il viaggio della “Croce di Lampedusa” (alta 2,80 metri, larga 1,50 metri e del peso di 60 chilogrammi, realizzata da un artigiano lampedusano) ha già toccato numerose città italiane ed è stata accolta anche nelle parrocchie della nostra Diocesi dal 17 ottobre scorso con un denso programma di eventi, celebrazioni e momenti di preghiera.

 

L'iniziativa, a cura della Caritas diocesana, del Centro Missionario, della Migrantes diocesana, della Pastorale giovanile e della Pastorale sociale e del lavoro, è terminata ieri, domenica 26 ottobre, in piazza San Fedele a Como, dove la "Croce" è stata accolta in piazza alla presenza di tante persone e con la testimonianza commovente di numerosi migranti. Al termine dell'incontro, il simbolo di speranza e di accoglienza lampedusano è stato collocato sull'altare della basilica ed è stata celebrata una Santa Messa.
E' significativo ricordare che la celebrazione eucaristica con la "Croce di Lampedusa" è avvenuta nel giorno di San Fedele, patrono della parrocchia cittadina. 

 

L’Isola di Lampedusa è diventata il simbolo della fuga verso la libertà e la dignità di cui migliaia di persone vengono private a causa della guerra, della fame e della povertà. Spesso questa fuga finisce in tragedia ma, fortunatamente, tante persone si salvano e riescono a sbarcare in Italia dove, pur tra polemiche e difficoltà, il cuore e la Fede vedono in particolare le comunità cristiane impegnate nell’opera di accoglienza, assistenza e accompagnamento dei nostri fratelli migranti. 

Il vescovo Diego ha invitato tutta la Diocesi a essere accogliente; a partire dal Centro Pastorale, che si è aperto all'ospitalità dei profughi, anche alcune comunità parrocchiali si sono messe a disposizione accogliendo i “nuovi arrivati”, oltre a due congregazioni religiose, cooperative, associazioni e albergatori (questi ultimi in Valtellina). 

 

Tante persone in questo periodo hanno trovato la gioia dell’accoglienza, che non è solo un alloggio, cibo e vestiti ma è soprattutto comprensione e condivisione, che aiutano a superare la sensazione di sentirsi esclusi, di “essere solo un numero”. 

 

 

LE TAPPE DELLA “CROCE DI LAMPEDUSA” NELLA DIOCESI DI COMO

 

Tappa 1:

Venerdì 17 ottobre: Como, parrocchia di San Bartolomeo (Vicariati di Como, Lipomo e Rebbio).

Programma: ore 15, Via Crucis; ore 17, preghiera con i bambini; ore 18, Santa Messa; ore 20.45, veglia missionaria cittadina.
Sabato 18: ore 7.20 e 9, Santa Messa; ore 11.30, Rosario meditato.

 

Tappa 2:

Sabato 18 ottobre: parrocchia di Civello (Vicariati di Olgiate e Uggiate).

Programma: ore 14.30, preghiera con i ragazzi; ore 20.45, veglia missionaria.

 

Tappa 3:

Domenica 19 ottobre: Lenno, abbazia dell'Acquafredda (Vicariati di Lenno e Menaggio).

Programma: ore 17-19, veglia missionaria; ore 20.30, accoglienza della “Croce” nella chiesa di Menaggio e Rosario.

 

Tappa 4:

Lunedì 20 ottobre: Ballabio (LC).

Programma: In tarda mattinata arrivo della “Croce” presso l'Associazione Progetto Itaca; nella chiesa di San Lorenzo, ore 14.30, preghiera con anziani; ore 15.30, preghiera con i bambini del catechismo; ore 16.30, preghiera con giovani e adolescenti; ore 20.45, Santa Messa.

 

Tappa 5:

Martedì 21 ottobre: Mandello.

Programma: ore 10, accoglienza della “Croce” presso l'istituto delle Suore S. Giovanna Antida; ore 16, incontro di preghiera nella chiesa del S. Cuore; ore 17, Santa Messa; ore 20.30, veglia missionaria.

 

Tappa 6:

Mercoledì 22 ottobre: Nuova Olonio (Vicariato di Colico).

Programma: dalle ore 15 alle 18.30 animazione con i ragazzi in parrocchia.

 

Tappa 7:

Mercoledì 22 ottobre: Berbenno.

Programma: ore 20.30, Santa Messa e adorazione notturna.

 

Tappa 8:

Giovedì 23 ottobre: Sondrio, Collegiata.

Programma: arrivo della “Croce” in tarda mattinata e Santa Messa alle ore 18.

 

Tappa 9:

Giovedì 23 ottobre: Piateda, chiesa del Crocifisso (Vicariato di Tresivio).

Programma: ore 20.30, veglia missionaria.

 

Tappa 10:

Venerdì 24 ottobre: Vicariato di Grosio.

Programma: in serata marcia per le vie di Sondalo (orario da definire).

 

Tappa 11:

Sabato 25 ottobre: Cermenate.

Programma: “Due Giorni Giovani” diocesana, marcia con la “Croce” dal convento dei frati alla chiesa parrocchiale; veglia serale alle ore 20.45 e Santa Messa la mattina di domenica 26 ottobre alle ore 11.30.

 

Tappa 12:

Domenica 26 ottobre: Como. 

Programma: iniziative di sensibilizzazione e testimonianze a livello cittadino, in collaborazione con il Comune di Como, Coordinamento Comasco per la Pace, Csv e Acli (seguirà programma più dettagliato).

 

Nella foto, l'ncontro in piazza San Fedele avvenuto domenica 26 ottobre

 

 

“IO STO CON LA SPOSA”, IL FILM DOCUMENTARIO IN DIOCESI

 

Sarà proiettato anche a Como il film-evento “Io sto con la sposa” che tanto successo sta avendo anche nel nostro Paese. La prima proiezione, con la presenza in sala di uno dei registi, sarà mercoledì 29 ottobre, alle ore 21. Anche giovedì 30 è prevista una replica, sempre alle ore 21. In entrambe le serate il costo del biglietto sarà di 5 euro.
Altre date fissate: a Sondrio al Cinema Excelsior il 20, 21 e 22 ottobre; a Chiavenna al Cine-teatro Victoria il 4 dicembre e a Menaggio, al Cinelario il 2 febbraio.

Il film, la cui sceneggiatura e regia sono di Antonio Augugliaro, Gabriele Del Grande e Khaled Soliman Al Nassiry ed è stato premiato anche alla Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, vuole documentare e denunciare la paradossale odissea di chi, profugo e in fuga dalla guerra e dalla povertà, sbarca in Italia ma vuole raggiungere altri Paesi europei dove ha amici o familiari, con la speranza di essere aiutato e accolto.

Questa pellicola - che è documentario, ma anche azione politica, storia reale e fantastica – ha una trama semplice e allo stesso tempo sorprendente. Un poeta palestinese siriano e un giornalista italiano incontrano a Milano cinque palestinesi e siriani sbarcati a Lampedusa in fuga dalla guerra, e decidono di aiutarli a proseguire il loro viaggio clandestino verso la Svezia. Per evitare di essere arrestati come contrabbandieri, però, decidono di mettere in scena un finto matrimonio coinvolgendo un'amica palestinese che si travestirà da sposa, e una decina di amici italiani e siriani che si travestiranno da invitati. Così mascherati, attraverseranno mezza Europa, in un viaggio di quattro giorni e tremila chilometri. Un viaggio carico di emozioni che, oltre a raccontare le storie e i sogni dei cinque palestinesi e siriani in fuga e dei loro speciali contrabbandieri, mostra un'Europa sconosciuta. Un'Europa transnazionale, solidale e goliardica che riesce a farsi beffa delle leggi e dei controlli della Fortezza con una mascherata che ha dell'incredibile, ma che altro non è che il racconto in presa diretta di una storia realmente accaduta sulla strada da Milano a Stoccolma tra il 14 e il 18 novembre 2013.

Per informazioni più dettagliate: www.iostoconlasposa.com

 

 

 

 

 

 

"INTRECCI DI POPOLI" 2014, IL SUCCESSO DELL'EVENTO

 

Come già l’anno scorso, è stata riproposta quest'anno l’iniziativa “Intrecci di popoli” - Festival delle culture, dei gemellaggi e della cooperazione internazionale, che si è tenuta il 6-7-8 giugno a Como.

La manifestazione ha coinvolto tantissime persone, tra cui numerosi bambini con giornate dedicate a loro.

Di particolare significato anche l'incontro interreligioso di preghiera che si è tenuto in piazza Cavour a Como domenica 8 giugno.

 

Sulla scia di "Intrecci di Popoli" sono in programma due manifestazioni sportive (calcio e cricket) che si svolgeranno ad Albate e a Rebbio (sotto è possibile visionare e scaricare anche il volantino dell'evento).
Ricordiamo che nella pagina Caritas de "il Settimanale della Diocesi di Como" del 21 giugno 2014 (leggibile nella sezione "Informazione" del nostro sito) vi è un resoconto e un commento all'intero evento svolto e il programma in dettaglio delle due manifestazioni sportive ancora in programma. 

 

 


Sotto è possibile visionare e scaricare il ricco programma degli aventi che sono stati proposti dalla Caritas diocesana, in collaborazione con il Comune e con il  Centro Servizi per il Volontariato di Como

>>> Il programma dettagliato degli eventi

>>> Il programma delle animazioni per bambini e ragazzi

>>> Il programma delle manifestazioni sportive

 

 

 

 

 

MARCIA DELLA PACE A COMO - 11 GENNAIO 2014

 

La sera di sabato 11 gennaio 2014 i Vicariati della città di Como, il Vicariato della Beata Vergine del Bisbino, Caritas Diocesana, Centro Missionario Diocesano, Pastorale Sociale e del Lavoro, Coordinamento Comasco per la Pace, Legami, Libera, Scouts Como 45, Prestino 3 e Como 1, La Vela dell’Arca e le Acli di Como organizzano la Marcia della Pace 2014 (con il patrocinio deil Comuni di Como e di Cernobbio).

Il programma, molto ricco e pensato per coinvolgere in modo particolare i giovani della città, prevede un concerto di musica dal vivo (suoneranno gli “Zingari nel bosco”) dalle 20 alle 21, presso l’Oratorio di Sagnino, al termine del quale partirà la marcia vera e propria. Si scenderà in corteo verso Tavernola per terminare il cammino all’Oratorio di Cernobbio, dove ci sarà un secondo concerto dalle 23 alle 24 (gruppo “Rebel8”).

Durante la marcia ci saranno delle tappe di riflessione con testimonianze dirette di esperienze del territorio comasco (e non) sulla realtà giovanile, sull’accoglienza, sulla mondialità.

Come impegno personale si chiede il digiuno dalla cena; il corrispettivo potrà essere devoluto, al termine della marcia, a favore del progetto Emergenza Freddo a Como.

Alla fine del percorso ci sarà un piccolo momento di ristoro e sarà disponibile un servizio di bus navetta per tornare alla partenza. 

per ulteriori informazioni tel. 031 3312333.

 

Scarica il volantino della Marcia della Pace (formato PDF Icona PDF)

 

 

UN AMICO DA BUENOS AIRES, DIECI ANNI DOPO!

 

Agosto 2013 - In questi giorni Padre Josè Maria Di Paola, meglio conosciuto come Padre Pepe, è stato in Italia con tre validi collaboratori per far visita a Papa Francesco, prima di tutto amico e guida umana e spirituale degli anni di servizio a Buenos Aires quando Bergoglio era Cardinale. Padre Pepe, amico della Caritas di Como già dal 2003, prima di rientrare in patria ha fatto tappa anche nella nostra Diocesi.

 Martedì 27 agosto ha incontrato una delegazione della Caritas di Como e alcuni dei volontari che avevano collaborato con lui tanti anni fa. Si è trattato di un incontro gioioso, in amicizia. Una di quelle situazioni in cui, anche se non ci si vede da dieci anni, sembra che il tempo sia volato. Si inaugurava infatti proprio 10 anni fa, nella Villa 21 a Buenos Aires, dove allora Pepe operava in un contesto difficile di droga, violenza, grave emarginazione e povertà, un Centro Sociale finanziato dalla Caritas che sarebbe poi diventato una vera scuola secondaria, nella Parrocchia di Nostra Signora di Caacupè. Da allora diversi giovani della nostra Diocesi si sono recati a Buenos Aires da Padre Pepe per periodi più o meno lunghi di servizio volontario. Tutti tornavano “rivoluzionati” da un’esperienza forte e coinvolgente, con la sensazione netta di essersi sentiti accolti e amati, pur in un contesto di reale povertà e disperazione. Il centro venne inaugurato proprio dall’allora Cardinale Bergoglio. Ecco perché, per la Caritas di Como in particolare, l’elezione di Papa Francesco è stata una fortissima emozione e il pensiero è andato subito a Padre Pepe. Un prete speciale, ricco di fede e di coraggio, che ogni giorno va controcorrente per raggiungere gli ultimi, i dimenticati, con naturalezza e umiltà.

 

Tuttavia, qualche anno fa, Pepe è stato costretto a spostarsi verso Santiago del Estero, lontano dalla capitale, in seguito a serie minacce di morte. Oggi è già tornato a operare in un’altra delle “villas miserias” di Buenos Aires, Villa La Carcova, a circa 30 km dalla capitale argentina. In questi anni, con il supporto di Bergoglio, i preti che lavorano nelle Villas sono cresciuti da 10 a 22, nonostante in generale il numero di preti in Argentina non sia in aumento. 

Nella serata di mercoledì 28 agosto, a Maslianico, Padre Pepe ha portato la sua testimonianza di vita e di fede. Il Santuario di S.Teresa era gremito di persone, parrocchiani e non, venute per ascoltarlo e salutarlo. Al termine del suo intervento, Padre Pepe ha voluto sull’altare i giovani che erano stati da lui come volontari diversi anni fa, nei quali sono ancora vive l’emozione e la riconoscenza per l’esperienza di servizio vissuta nella Villa accanto a questo prete così speciale. La Caritas di Como ha rinnovato a Padre Pepe la disponibilità a collaborare anche ora che sta svolgendo la sua attività nella Villa La Carcova, anche con la possibilità di inviare a Buenos Aires dei giovani che possano vivere un’esperienza significativa di servizio gratuito con i più poveri.

 

Alcuni video della Villa La Carcova dove opera Padre Pepe:

http://www.youtube.com/watch?v=jdq26I310eA

http://www.youtube.com/watch?v=IQ8IIMhbFuA

http://www.youtube.com/watch?v=HKGQacBi5Lg

http://www.youtube.com/watch?v=TLdMvNCGRx4

 

 

MARTEDI' 23 APRILE 2013: LA SIRIA GRIDA PACE!

 

Caritas Diocesana, Centro Missionario Diocesano, IPSIA Como Onlus e Celim Erba invitano la cittadinanza a una serata di approfondimento sull'emergenza umanitaria in Siria.

La guerra in Siria è causa di immani sofferenze nella popolazione civile e ha spinto alla fuga migliaia di persone. Tuttavia, nonostante la gravissima situazione umanitaria, la comunità internazionale sta a guardare e non interviene. Fino a quando?

 

Martedì 23 aprile, alle ore 20:45, presso il Centro Pastorale “Cardinal Ferrari” a Como (Viale Cesare Battisti 8) il giornalista Gabriele Del Grande, di ritorno dalla Siria, ci aiuterà a capire le cause, le conseguenze e le prospettive di una guerra fuori controllo, che sta sacrificando migliaia di innocenti e minaccia seriamente di compromettere i fragili equilibri dell’area Medio Orientale.

Non possiamo restare indifferenti!

Nel corso della serata porterà la propria testimonianza l’associazione “Rose di Damasco”,  attiva sul nostro territorio, che ci fornirà una panoramica di come in Italia molte persone si stiano organizzando volontariamente per portare aiuto ai siriani ospitati nei campi profughi allestiti principalmente in Turchia, Libano e Giordania.

Caritas Italiana continua a lanciare appelli a favore del popolo siriano e supporta l’instancabile lavoro di Caritas Siria, Caritas Turchia, Caritas Libano e Caritas Giordania. Per saperne di più consultare la sezione Area Internazionale - Emergenze e collette oppure direttamente il sito di Caritas Italiana, nella sezione dedicata all'Emergenza Siria.

La serata del 23 aprile è a ingresso libero. Per informazioni: info@caritascomo.it , 031 3312333.

 

Scarica il volantino dell'evento "La Siria grida pace!"(formato PDF Icona PDF)

 

 

 

 

 

GIOVEDÌ 10 GENNAIO 2013: LA CRISI È SERVITA!

 

La Caritas Diocesana e il Centro Missionario Diocesano invitano la cittadinanza a una serata di approfondimento dal titolo “La crisi è servita! Dalla carestia in Sahel e Corno d’Africa alle nostre scelte quotidiane”.

Sulla scia della campagna promossa da Caritas italiana “Fame di pane e di futuro”, l’obiettivo è comunicare la crisi alla comunità  con attenzione alle cause e alle connessioni con i  fenomeni globali (cambiamento climatico, utilizzo e distribuzione delle risorse, commercio di armi…) per indurre a una riflessione sugli stili di vita e sulle scelte quotidiane, politiche, economiche e sociali collegate.

 

Giovedì 10 gennaio 2013, alle ore 20:45 presso il Centro Pastorale “Cardinal Ferrari” a Como (Viale Cesare Battisti 8) la riflessione sarà stimolata e guidata dal professor Riccardo Moro, docente di Politiche dello Sviluppo presso l’Università degli Studi di Milano e promotore della campagna “Sulla fame non si specula”. Porterà inoltre la sua testimonianza diretta dal Sud Sudan il comasco Matteo Perotti, laico missionario nella Diocesi di Wau, già membro dell’Area Internazionale della Caritas di Como. Le crisi nei nostri paesi creano forti scompensi nel Sud del mondo e possono essere affrontate solo attraverso una progettazione non settoriale ma già in partenza olistica. In questi termini la carestia in Sahel e Corno d’Africa diventa un tema attuale e scottante per rivelare i meccanismi distorti e le carenze di cui anche noi occidentali siamo responsabili, con le nostre scelte personali e collettive.  

Ingresso libero. Per informazioni: info@caritascomo.it, 031 3312333.

 

Scarica il volantino dell'evento "La crisi è servita!" (formato PDF Icona PDF)

 

 

 

 

 

VICARIATI E PARROCCHIE
  • LA CARTA DELLA DIOCESI
    >>> Vai     
 
INFORMAZIONE Newsletter, Pagina Caritas, Informa Caritas, In Caritas e tanto altro!  
CALENDARIO
Calendario Appuntamenti
NOTIZIE FLASH
Valmalenco, quattro incontri a marzo con la Caritas La comunità pastorale della Valmalenco ha organizzato quattro incontri con la Caritas dal titolo: “In ascolto di Gesù, Buon Samaritano dell’umanità”. Primo appuntamento lunedì 18 marzo a Caspoggio...
Proposte Giovani: con la Caritas nei campi per migranti in Serbia Di ritorno dalla rotta balcanica e dalla recente visita ai campi profughi in Bosnia e Serbia, la Caritas di Como vuole proporre ai giovani interessati una esperienza estiva di volontariato a favore degli ospiti dei campi...
Rebbio: parte il progetto per una comunità per minori Una fondazione svizzera regala alla comunità di Rebbio una casa per i minori. Il progetto vede la collaborazione tra la parrocchia di San Martino, la Cooperativa Symploké e la Fondazione elvetica “Main dans la main”...
Il nuovo servizio Whatsapp della Caritas diocesana La Caritas diocesana di Como ha organizzato un nuovo servizio Whatsapp per permettere a tutte le persone interessate di essere aggiornate costantemente sulle varie attività. Come iscriversi...
Symploké, lettera al direttore del “Settimanale” Ecco la “Lettera al direttore”, pubblicata sul numero del 7 marzo 2019 de “il Settimanale della diocesi di Como”, che contiene riflessioni del presidente della Cooperativa sociale Symploké, Stefano Sosio...
Nuovo InformaCaritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stato pubblicato sul numero del 28 febbraio 2019 de “il Settimanale della Diocesi di Como” il nuovo InformaCaritas...
Caritas Como-Ticino: il volontariato lungo il confine Le Diocesi di Como e Lugano hanno invitato la cittadinanza a partecipare, domenica 24 febbraio 2019 a Como, al pomeriggio di approfondimento dal titolo “La solidarietà attraversa i confini - Storie di volontariato fra Como e Ticino”. Il report sul "Settimanale"...
“Scarp de’ tenis”, da 25 anni l’Italia vista dalla strada Ha vinto recentemente il premio giornalistico “Buone Notizie” 2019 e da 25 anni è distribuita sul territorio nazionale e anche a Como e provincia. Stiamo parlando di “Scarp de’ tenis”, la rivista mensile che è anche occasione di lavoro per chi vive ai margini...
Oliviero Forti a Como: «Vogliamo la verità o la nostra bugia preferita?» Lo scorso 9 gennaio, Oliviero Forti, responsabile dell’Area Internazionale di Caritas Italiana, ha presentato a Como il XXVII Rapporto sulle migrazioni di Caritas-Migrantes...
“Minori migranti, maggiori rischi”, dossier Caritas italiana Ogni giorno 44,4 persone sono obbligate a lasciare le proprie case. I minori sotto i 18 anni di età costituiscono circa la metà della popolazione rifugiata (circa 30 milioni). Pubblicato nuovo dossier di Caritas italiana...
Corridoi umanitari: famiglia irachena da Mosul a Como grazie a Caritas Arrivano dalla Piana di Ninive, da quelle terre che sono state culla del patrimonio culturale mondiale e casa dei Patriarchi, le cui vicissitudini leggiamo nell’Antico Testamento. Sono Hanna, Wasan e Mereya: papà, mamma e figlia...
Symploké: i frutti del progetto scouting lavoro Costruire integrazione partendo dal lavoro: è questo il senso del "virtuoso" progetto della Cooperativa Symploké che ha attuato nel corso del tempo percorsi di scouting aziendale per le persone accolte nelle sue strutture...
“Il peso delle armi": 
il sesto Rapporto sui conflitti dimenticati È stata presentata a Roma, nel 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, la sesta edizione del rapporto di Caritas Italiana sui conflitti dimenticati. Nel 2017 i conflitti nel mondo sono stati 378; di questi, sono 20 le guerre ad elevata intensità...
Torna in parrocchia Scarp de’ tenis, il mensile della strada Da alcuni anni la rivista “Scarp de’ tenis” è distribuita anche nella diocesi di Como grazie alla collaborazione della Caritas diocesana e al lavoro - attualmente - di due venditori...
Uggiate Trevano, il CdA compie 20 anni Il Centro di Ascolto di Uggiate Trevano ha tagliato il traguardo dei vent’anni di attività. Un servizio portato avanti dall’impegno gratuito, silenzioso e costante di tanti volontari
. Un servizio prezioso e gratuito, nato
 su impulso 
delle comunità parrocchiali della zona, per andare incontro alle tante fragilità del territorio...
CdA Cuveglio: presentata la Relazione sociale 2017 Il Centro di Ascolto "Isa Meardi" di Cuveglio (VA) ha presentato in questi giorni la propria Relazione sociale 2017 con l'intento di comunicare e condividere il lavoro svolto dal gruppo dei volontari impegnati "al servizio della Carità"...
Parrocchia di S.Orsola a Como, i corsi di italiano per stranieri Nei giorni scorsi si è aperto il nuovo anno di corsi della scuola di italiano per stranieri. I locali sono quelli della parrocchia di Como-Sant’Orsola, ma ne esistono due gemmazioni: una a Rebbio, sempre presso la parrocchia, l’altra a Cernobbio...
Il Centro Diurno “L’Incontro” di Como festeggia 10 anni Su “il Settimanale della Diocesi di Como” del 25 ottobre 2018 è pubblicata una interessante pagina in occasione della ricorrenza dei 10 anni di fondazione del Centro Diurno “L’Incontro” della Caritas diocesana di Como...
Il dormitorio dei Comboniani di Rebbio cerca volontari Il dormitorio per senza dimora attivo presso i Comboniani di Rebbio cerca nuovi volontari. A lanciare l’appello tramite “il Settimanale della Diocesi di Como”, è il referente di Porta Aperta, Giuseppe Menafra...
Nuova pagina Caritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stata pubblicata sul numero de “il Settimanale della Diocesi di Como" del 4 ottobre 2018 la nuova pagina Caritas...
Symploké: i toccanti racconti di Joshua ed Emmanuel Sul sito della Cooperativa sociale Symploké (www.symplokecoop.it) sono state pubblicate il 3 agosto scorso due toccanti storie di accoglienza sul nostro territorio...
Progetto CASA contro l'emergenza abitativa Sul "Settimanale" del 12 luglio è stata pubblicata una interessante pagina, a cura della giornalista Enrica Lattanzi, che fa il punto sul progetto C.A.S.A. (Comunità Aperta Solidale Accogliente) della Caritas diocesana di Como...
A Como il Negozio dell'Usato solidale: i nuovi orari Continua la sua attività a Como, in via Morazzone 17 (150 metri da via Milano), il “Negozio dell’Usato Solidale”, nato grazie all’impegno della Cooperativa “Si può fare” e altre realtà della città. I nuovi orari di apertura...
"Si può fare", nuovo negozio a Olgiate Comasco “Si Può Fare”, la Cooperativa voluta dalla Caritas diocesana e dall’associazione Ozanam per offrire opportunità lavorative a persone in difficoltà, amplia la sua attività con un nuovo negozio a Olgiate Comasco...
"Favole in viaggio. Venti storie migranti", il libro di Symploké La Cooperativa sociale Symploké ha da poco messo a punto un interessante progetto: la pubblicazione di "Favole in viaggio. Venti storie migranti". Stefano Sosio, operatore di Symploké e responsabile del progetto, ci illustra nei dettagli come è nato questo interessante libro...
Collane e bracciali solidali per il Brasile Un'iniziativa particolare a sostegno del progetto internazionale di Caritas dedicato al Brasile: la “vendita” a offerta minima di bellissime collane e braccialetti realizzati a mano dalle donne di San Paolo...
Nuovi documenti pubblicati da Caritas Italiana Numerosi nuovi dossier sulle situazioni di crisi internazionali sono leggibili e scaricabili nella sezione "Area promozione umana" del nostro sito alla pagina "Immigrazione"...
News precedente      News successiva
FONDAZIONE CARITAS
La Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio OnlusLa Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio Onlus si propone di provvedere nel territorio della Diocesi di Como, ed in particolare con l’Ordinario diocesano e l’ufficio Caritas, allo svolgimento di attività nel settore dell’assistenza sociale e precisamente alla promozione, al sostegno e alla gestione di iniziative e servizi a carattere caritativo-assistenziali
 
>>> Apri     
 

 
  

Usiamo i cookie - anche di terze parti - per consentirti un migliore utilizzo del nostro sito web. Per maggiori informazioni sui cookie, consulta la Informativa Estesa sui cookie.
Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

LEGGI INFORMATIVA         HO CAPITO, CHIUDI