NUOVO SITO CARITAS COMO: http://caritas.diocesidicomo.it/
Skip Navigation LinksCaritasComo.it > Primo Piano > Editoriali > Archivio Editoriali > Editoriale dall'archivio storico

EDITORIALE

08 maggio 2014

Accoglienza profughi, un impegno che continua

Nell'ultimo mese, fra Como e Sondrio, sono duecento i profughi arrivati e il fenomeno non è destinato ad arrestarsi

 

Siamo consapevoli delle difficoltà congiunturali e del particolare passaggio politico che stiamo vivendo - con molti cambiamenti amministrativi in atto, di cui ancora non sono ben chiari i contenuti, i tempi e le conseguenze, e con l'avvicinarsi della scadenza elettorale a più livelli - ma pensiamo che occorrano maggiore impegno e sensibilità, da parte degli enti locali, per affrontare insieme l'impegno umanitario e fraterno dell'accoglienza nei confronti dei profughi che, nell'ultimo mese, hanno raggiunto, numerosi, il territorio della nostra Diocesi.

Esprimo alcune osservazioni, a nome delle Acli di Como, della Croce Rossa sede di Como, della Caritas di Valtellina e Valchiavenna, delle comunità parrocchiali, associazioni e cooperative coinvolte nella fase dell'ospitalità dei migranti.

Nelle ultime settimane il ministero degli Interni ha più volte richiamato l'attenzione dell'opinione pubblica sul numero di coloro che, nei prossimi mesi e anni, sarebbero pronti ad affrontare il mare per approdare in Europa attraverso il Mediterraneo: prospettive che non hanno colto di sorpresa gli addetti ai lavori e chi è impegnato sul fronte accoglienza. Le cronache recenti ci hanno parlato anche del progressivo venir meno delle risorse per le operazioni di salvataggio nell'ambito dell'iniziativa "Mare nostrum" e delle incertezze economiche per il futuro.

Gli sbarchi, però, ci sono e non possiamo non sentire il dovere di aiutare tanti disperati, che scappano dalla fame, dalla guerra, da persecuzioni e privazioni di ogni tipo.

 

Per evitare il sovraffollamento nei Centri di accoglienza e in quelli di identificazione e permanenza, il ministero, a seconda delle presenze e degli arrivi, affida a ciascun territorio provinciale, attraverso il collegamento delle Prefetture, una quota di migranti, fino a un massimo di 50 per volta, con un preavviso di 12-24 ore.

 

Nell'ultimo mese, fra Como e Sondrio, sono duecento i profughi arrivati.

 

In provincia di Sondrio, accolti soprattutto in strutture di tipo alberghiero e in minima parte (circa il 20%) in realtà gestite da associazioni e cooperative in convenzione con la Caritas, i migranti presenti sono poco meno di un centinaio.

 

A Como sono arrivate 105 persone. Un gruppo di 50 siriani - costituito soprattutto da famiglie con bambini (i piccoli, in tutto, erano 26, fra cui una neonata di due mesi) - nell'arco di 48 ore ha lasciato la città, grazie alla collaborazione di familiari, amici e conoscenti in Nord Europa che li hanno ospitati.

Ne rimangono 55 e per loro si prospetta una permanenza lunga. Sono tutti giovani, dai 18 ai 25 anni, provenienti dall'Africa subsahariana (Mali, Gambia, Costa d'Avorio, Eritrea). Sono accolti in 15 a Lenno (presso la struttura di una cooperativa sociale), 14 presso gli spazi della parrocchia di Como-San Bartolomeo, 4 presso la Casa Albergo delle ACLI di Como in via Domenico Pino, 25 presso il Centro pastorale Cardinal Ferrari (negli spazi del dormitorio invernale che per 4 mesi, tutti i giorni, ha dato ospitalità fino a 35 persone per notte).

 

Come Caritas, al momento abbiamo esaurito le disponibilità. In questi giorni abbiamo fatto un ottimo lavoro con la Prefettura e le Forze dell'Ordine, che hanno svolto un'opera preziosa e puntuale per quanto riguarda l'assolvimento delle pratiche burocratiche. Il mondo del volontariato e quello di molte parrocchie ha dimostrato sensibilità e apertura. Ma servirebbe maggiore collaborazione dalla dimensione pubblica, soprattutto dai Comuni e dagli enti territoriali. Ripeto, siamo tutti consapevoli delle difficoltà e delle fatiche anche per le amministrazioni, ma le ondate migratorie sempre più si stanno trasformando in un fatto strutturale e non episodico. Insieme dobbiamo chiederci cosa e come fare.

Al momento i costi dell'accoglienza sono affrontati con risorse provenienti dal ministero. In questi giorni con gli arrivi e le sistemazioni ci siamo preoccupati solo dei bisogni immediati, ovvero vitto, alloggio, vestiario. L'idea, come già avvenne nel 2011 con i profughi giunti dal Nord Africa, è di proporre anche percorsi di lingua italiana e di formazione professionale, visto che tutti chiedono di lavorare e di rendersi utili.

 

«I credenti - osserva il vescovo monsignor Diego Coletti - sono da sempre attenti e sensibili ai fratelli che soffrono e che vivono in condizioni di povertà, a prescindere dalle appartenenze, dalle provenienze, dalle convinzioni religiose. Ci sta a cuore e sentiamo come urgente, insomma, tutto ciò che è autenticamente e concretamente umano. Perché nel volto di ogni essere umano è impresso il volto di Cristo. I flussi migratori ci ricordano che la globalizzazione non è soltanto un'opportunità di arricchimento per i mercati: anzi sono proprio le iniquità, come le definisce papa Francesco, a costringere le persone a muoversi in massa, a causa di guerre, sfruttamento e ingiustizie, spesso alimentate proprio da quel mondo benestante che poi fatica ad accogliere profughi e migranti. Le soluzioni non sono, purtroppo, immediate e nemmeno semplici, visto che devono cambiare interi sistemi politici e di produzione economica. L'oceano, però, è fatto di tante piccole gocce e si cambia con il cominciare a fare, ciascuno e fino in fondo, la propria parte».

 

 

Roberto Bernasconi, direttore della Caritas diocesana
 
VICARIATI E PARROCCHIE
  • LA CARTA DELLA DIOCESI
    >>> Vai     
 
INFORMAZIONE Newsletter, Pagina Caritas, Informa Caritas, In Caritas e tanto altro!  
CALENDARIO
Calendario Appuntamenti
NOTIZIE FLASH
Nuova pagina Caritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stata pubblicata sul numero de “il Settimanale della Diocesi di Como" del 26 marzo 2020 la nuova pagina Caritas...
Balkan Route: opportunità di volontariato internazionale per giovani in Bosnia Come nel 2018 e nel 2019 la Caritas di Como propone anche quest'anno ai giovani interessati due tipi di impegno particolarmente interessanti...
Quaresima 2020: scopri i progetti di carità della Diocesi di Como. Dona anche tu! I progetti scelti anche quest’anno dalla Caritas diocesana per la Quaresima vogliono offrire, con il sostegno di tutti, risposte a bisogni diversi della persona...
Casa per infanzia e minori di Rebbio: ora è davvero tutto pronto L'open day si è tenuto domenica 9 febbraio. La Cooperativa Symploké gestirà all’interno dell’edificio un centro diurno, una comunità per minori e una comunità genitore-bambino...
Continua la campagna di “Vicini di strada” a sostegno dei dormitori invernali La Caritas diocesana di Como è, come ogni anno, soggetto attivo nella gestione dei dormitori invernali (temporanei) nella città di Como. Di seguito vi proponiamo il comunicato diffuso dalla rete "Vicini di Strada" di cui la stessa Caritas fa parte...
Valtellina: sempre attivi i servizi Caritas. Il punto con dati e riflessioni Su “il Settimanale della Diocesi di Como” del 6 febbraio il punto della povertà sul territorio valtellinese e dell’attività dei servizi che accolgono le persone in difficoltà
“Non si tratta solo di migranti”: presentato il 28esimo Rapporto Caritas Migrantes “Non si tratta solo di migranti” è il titolo dell’incontro che si è svolto mercoledì 22 gennaio alla Biblioteca di Como, in occasione della pubblicazione dell’annuale Rapporto Caritas e Migrantes, giunto alla 28esima edizione...
Caritas Como e Caritas Ticino: formarsi insieme sull’enciclica Laudato Si’ Nel solco dell’amicizia e della collaborazione che da alcuni anni si stanno consolidando fra le diocesi di Como e Lugano, lo scorso 18 gennaio si è svolta una giornata di approfondimento sull’enciclica di papa Francesco “Laudato si’”...
Campi Ancarano: apre il centro di comunità grazie a Caritas Como Sabato 30 novembre è stata inaugurata la nuova chiesa, che è anche centro di comunità, a Campi Ancarano (Pg), frazione di Norcia, nel cuore del cratere del terremoto del 2016...
Emergenza freddo: aperta la tensostruttura al Card. Ferrari Al Centro pastorale Cardinal Ferrari di Como è attiva dallo scorso 1° novembre la tensostruttura che ospita fino a cinquanta persone per tutto il periodo invernale...
Nuovo InformaCaritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stato pubblicato sul numero del 10 ottobre 2019 de “il Settimanale della Diocesi di Como” il nuovo InformaCaritas...
Il nuovo servizio Whatsapp della Caritas diocesana La Caritas diocesana di Como ha organizzato un nuovo servizio Whatsapp per permettere a tutte le persone interessate di essere aggiornate costantemente sulle varie attività. Come iscriversi...
News precedente      News successiva
FONDAZIONE CARITAS
La Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio OnlusLa Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio Onlus si propone di provvedere nel territorio della Diocesi di Como, ed in particolare con l’Ordinario diocesano e l’ufficio Caritas, allo svolgimento di attività nel settore dell’assistenza sociale e precisamente alla promozione, al sostegno e alla gestione di iniziative e servizi a carattere caritativo-assistenziali
 
>>> Apri     
 

 
  

Usiamo i cookie - anche di terze parti - per consentirti un migliore utilizzo del nostro sito web. Per maggiori informazioni sui cookie, consulta la Informativa Estesa sui cookie.
Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

LEGGI INFORMATIVA         HO CAPITO, CHIUDI
NUOVO SITO CARITAS COMO: http://caritas.diocesidicomo.it/