Skip Navigation LinksCaritasComo.it > Primo Piano > Editoriali > Archivio Editoriali > Editoriale dall'archivio storico

EDITORIALE

13 dicembre 2014

Profughi, l'accoglienza e la responsabilità di ognuno

Alcune riflessioni dopo circa otto mesi di grande impegno per ospitare nel territorio della Diocesi oltre 260 profughi provenienti dalle zone di guerra e di povertà

 

 

Mi sembra doveroso, dopo circa otto mesi di impegno per accogliere nel territorio della Diocesi oltre 260 profughi provenienti dalle zone di guerra e di povertà, fare delle considerazioni che possono servire innanzitutto per riscoprire i fondamenti che supportano l’attività della Caritas nell’affrontare questa realtà a nome della nostra Chiesa diocesana, ma soprattutto per contribuire alla formazione di proposte concrete e far sì che il nostro Paese cambi prospettiva di fronte a questa accoglienza, che rischia di diventare - se non si evolve - un passaggio che porta la maggior parte delle persone che accogliamo alla clandestinità.


Per non parlare, inoltre, dello sfaldamento della società che sempre di più rischia di richiudersi in se stessa, pronta a emarginare chi è diverso o chi è in difficoltà.

 

Prima di iniziare questa analisi, sento il bisogno di ribadire la validità della scelta di accoglienza che abbiamo intrapreso, che è sì difficile (piena di incognite e non condivisa fino in fondo da buona parte della comunità civile e purtroppo anche da una parte della nostra comunità ecclesiale), ma è una scelta doverosa per noi e dobbiamo affrontarla nel migliore dei modi.

 

Sento, allora, il bisogno di affermare in modo inequivocabile che la nostra disponibilità all’accoglienza non ha voluto essere assolutamente una supplenza a uno Stato che non è attrezzato a supportare in modo razionale questo dramma. Lo abbiamo fatto con grande responsabilità; tuttavia è inequivocabile che concretamente siamo di fronte a una realtà che - al di là della raccolta delle persone dai barconi (la famosa operazione “Mare Nostrum”) - nella quotidianità dell'accoglienza concreta sul territorio a tutti i livelli il potere politico è spesso inadempiente.


Lo Stato è assente (per usare un eufemismo) a livello regionale, provinciale e comunale, e non è stato in grado di mettere a disposizione strutture che pur esistono e sono vuote (vedi caserme e altre strutture sul territorio) e non è capace di elaborare idee su come sviluppare questa accoglienza.

 

La nostra disponibilità all'accoglienza - come abbiamo ricordato più volte in questi mesi - è stata immediata e senza ripensamenti per rendere concreti gli insegnamenti ricevuti dalla Parola di Dio e per mettere in pratica gli inviti alla solidarietà fraterna del Magistero del Papa e dei Vescovi.

Ribadisco con forza che la nostra azione ha voluto essere una concretizzazione di questo invito che il Magistero ci ha suggerito; ci siamo messi a disposizione di questi uomini e di queste donne (spesso famiglie intere con figli piccoli) in fuga da situazioni di vita invivibili sia per le guerre sia per l’assoluta miseria delle loro nazioni di origine. Li abbiamo accolti non per un fatto economico, non per supplire a una mancanza di iniziativa da parte di chi lo dovrebbe fare per dovere, ma per rendere concreto l’amore che Cristo ha donato a tutti gli uomini partendo proprio dagli ultimi.


Insomma, per noi è stata ed è una questione di giustizia.

 

Tutto questo ci sta facendo riflettere sulle positività ma anche sulle negatività e sulle occasioni perse che questa accoglienza ci ha portato a vivere.

 

Positivo è stato l’impatto con le persone che sono arrivate con il loro carico di dolore e di speranza; abbiamo imparato dal vivo a condividere tutto questo superando lo scoglio della lingua, delle culture e delle diverse religiosità di ogni persona.


Positiva è stata l’opportunità di sinergia nell’accoglienza della Caritas diocesana con altre associazioni confessionali e non operanti sul territorio, congregazioni religiose e volontari di tutte le estrazioni sociali che si sono messi a disposizione per l’accoglienza.


Positivo è stato il rapporto di fiducia e di collaborazione instaurato con le forze dell’ordine e le prefetture, che a mio parere stanno svolgendo il loro compito in modo molto professionale.


Positivo è stato il rapporto di collaborazione con le parrocchie, che hanno avuto il coraggio di “mettersi a disposizione”, anche se per attuare questa accoglienza hanno dovuto superare spesso l’opposizione o i dubbi di chi era contrario.

 

Positiva è stata la riflessione comune di tutte queste entità nel saper raccogliere idee e proposte per guardare oltre all’emergenza, per contribuire in modo attivo nella costruzione di uno stato sociale che è basato non sul Pil da raggiungere, bensì sulla integrazione vera delle persone.

 

Tuttavia, anche le negatività non vanno nascoste ma riconosciute, analizzate e affrontate a viso aperto; altrimenti c’è il rischio concreto che possano far fallire una esperienza bella di accoglienza vera.

Detto ciò evidenzio che esiste una negatività interna a noi, ma anche una esterna.

 

Negatività interna è stata la paura del nuovo, la paura del diverso, l’attaccamento a presunti privilegi che si rischiano di perdere se si ha il coraggio di avvicinarci al prossimo, la paura dell’altro che non conosciamo e che quindi può essere potenzialmente destabilizzante per la nostra comunità.


Fondamentalmente è la paura di vivere e di confrontare la nostra vita vissuta con il mondo che di solito siamo sempre più abituati a giudicare e sempre meno ad accogliere.

 

Negatività esterna, dovuta alla non chiarezza del cammino da percorrere con i profughi.
C’è un rimpallarsi di responsabilità che impedisce di attribuire a persone o a enti ben individuati la responsabilità di determinate scelte. Ciò ha portato a un disimpegno politico in senso alto da parte delle autorità locali - Regione, amministrazioni provinciali, Comuni - che anche per questo motivo si sono spesso chiamati fuori dall’accoglienza.

 

Negatività da parte dei poteri burocratici dello Stato, e questi poteri non sono anonimi, sono persone ben individuabili che per tranquillità non si prendono mai delle responsabilità e si nascondono dietro l’interpretazione personale delle leggi.
Spesso questa situazione ha portato a un vero e proprio stallo decisionale che non ha permesso, per esempio, di mettere a disposizione dell’accoglienza strutture che da anni - come ho già detto - sono vuote; uno stallo che allunga con tempi biblici la valutazione delle storie delle singole persone per avere i permessi, e li costringe a “sopravvivere” nei vari centri di accoglienza.

 

Negatività da parte degli organi di informazione, che sovente sono poco obiettivi sul fenomeno migratorio e sulle modalità di accoglienza, e quindi danno un'informazione non corretta, molte volte distorta.

 

Negatività da parte del mondo dei partiti che è diviso e usa questo fenomeno per scopi politici ed elettorali, dimenticandosi che la politica è il luogo in cui questa problematica deve trovare delle risposte concrete e convincenti.

 

Credo che sia venuto il momento di richiamare tutti alle proprie responsabilità, di superare le divisioni che ci bloccano e di lavorare insieme per il bene comune.
Senza più tentennamenti.


È ciò che ci chiede il Signore in questo periodo di Avvento e per un Natale di fraternità.

 

 

Roberto Bernasconi, direttore della Caritas diocesana di Como
 
VICARIATI E PARROCCHIE
  • LA CARTA DELLA DIOCESI
    >>> Vai     
 
INFORMAZIONE Newsletter, Pagina Caritas, Informa Caritas, In Caritas e tanto altro!  
CALENDARIO
Calendario Appuntamenti
NOTIZIE FLASH
Valmalenco, quattro incontri a marzo con la Caritas La comunità pastorale della Valmalenco ha organizzato quattro incontri con la Caritas dal titolo: “In ascolto di Gesù, Buon Samaritano dell’umanità”. Primo appuntamento lunedì 18 marzo a Caspoggio...
Proposte Giovani: con la Caritas nei campi per migranti in Serbia Di ritorno dalla rotta balcanica e dalla recente visita ai campi profughi in Bosnia e Serbia, la Caritas di Como vuole proporre ai giovani interessati una esperienza estiva di volontariato a favore degli ospiti dei campi...
Rebbio: parte il progetto per una comunità per minori Una fondazione svizzera regala alla comunità di Rebbio una casa per i minori. Il progetto vede la collaborazione tra la parrocchia di San Martino, la Cooperativa Symploké e la Fondazione elvetica “Main dans la main”...
Il nuovo servizio Whatsapp della Caritas diocesana La Caritas diocesana di Como ha organizzato un nuovo servizio Whatsapp per permettere a tutte le persone interessate di essere aggiornate costantemente sulle varie attività. Come iscriversi...
Symploké, lettera al direttore del “Settimanale” Ecco la “Lettera al direttore”, pubblicata sul numero del 7 marzo 2019 de “il Settimanale della diocesi di Como”, che contiene riflessioni del presidente della Cooperativa sociale Symploké, Stefano Sosio...
Nuovo InformaCaritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stato pubblicato sul numero del 28 febbraio 2019 de “il Settimanale della Diocesi di Como” il nuovo InformaCaritas...
Caritas Como-Ticino: il volontariato lungo il confine Le Diocesi di Como e Lugano hanno invitato la cittadinanza a partecipare, domenica 24 febbraio 2019 a Como, al pomeriggio di approfondimento dal titolo “La solidarietà attraversa i confini - Storie di volontariato fra Como e Ticino”. Il report sul "Settimanale"...
“Scarp de’ tenis”, da 25 anni l’Italia vista dalla strada Ha vinto recentemente il premio giornalistico “Buone Notizie” 2019 e da 25 anni è distribuita sul territorio nazionale e anche a Como e provincia. Stiamo parlando di “Scarp de’ tenis”, la rivista mensile che è anche occasione di lavoro per chi vive ai margini...
Oliviero Forti a Como: «Vogliamo la verità o la nostra bugia preferita?» Lo scorso 9 gennaio, Oliviero Forti, responsabile dell’Area Internazionale di Caritas Italiana, ha presentato a Como il XXVII Rapporto sulle migrazioni di Caritas-Migrantes...
“Minori migranti, maggiori rischi”, dossier Caritas italiana Ogni giorno 44,4 persone sono obbligate a lasciare le proprie case. I minori sotto i 18 anni di età costituiscono circa la metà della popolazione rifugiata (circa 30 milioni). Pubblicato nuovo dossier di Caritas italiana...
Corridoi umanitari: famiglia irachena da Mosul a Como grazie a Caritas Arrivano dalla Piana di Ninive, da quelle terre che sono state culla del patrimonio culturale mondiale e casa dei Patriarchi, le cui vicissitudini leggiamo nell’Antico Testamento. Sono Hanna, Wasan e Mereya: papà, mamma e figlia...
Symploké: i frutti del progetto scouting lavoro Costruire integrazione partendo dal lavoro: è questo il senso del "virtuoso" progetto della Cooperativa Symploké che ha attuato nel corso del tempo percorsi di scouting aziendale per le persone accolte nelle sue strutture...
“Il peso delle armi": 
il sesto Rapporto sui conflitti dimenticati È stata presentata a Roma, nel 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, la sesta edizione del rapporto di Caritas Italiana sui conflitti dimenticati. Nel 2017 i conflitti nel mondo sono stati 378; di questi, sono 20 le guerre ad elevata intensità...
Torna in parrocchia Scarp de’ tenis, il mensile della strada Da alcuni anni la rivista “Scarp de’ tenis” è distribuita anche nella diocesi di Como grazie alla collaborazione della Caritas diocesana e al lavoro - attualmente - di due venditori...
Uggiate Trevano, il CdA compie 20 anni Il Centro di Ascolto di Uggiate Trevano ha tagliato il traguardo dei vent’anni di attività. Un servizio portato avanti dall’impegno gratuito, silenzioso e costante di tanti volontari
. Un servizio prezioso e gratuito, nato
 su impulso 
delle comunità parrocchiali della zona, per andare incontro alle tante fragilità del territorio...
CdA Cuveglio: presentata la Relazione sociale 2017 Il Centro di Ascolto "Isa Meardi" di Cuveglio (VA) ha presentato in questi giorni la propria Relazione sociale 2017 con l'intento di comunicare e condividere il lavoro svolto dal gruppo dei volontari impegnati "al servizio della Carità"...
Parrocchia di S.Orsola a Como, i corsi di italiano per stranieri Nei giorni scorsi si è aperto il nuovo anno di corsi della scuola di italiano per stranieri. I locali sono quelli della parrocchia di Como-Sant’Orsola, ma ne esistono due gemmazioni: una a Rebbio, sempre presso la parrocchia, l’altra a Cernobbio...
Il Centro Diurno “L’Incontro” di Como festeggia 10 anni Su “il Settimanale della Diocesi di Como” del 25 ottobre 2018 è pubblicata una interessante pagina in occasione della ricorrenza dei 10 anni di fondazione del Centro Diurno “L’Incontro” della Caritas diocesana di Como...
Il dormitorio dei Comboniani di Rebbio cerca volontari Il dormitorio per senza dimora attivo presso i Comboniani di Rebbio cerca nuovi volontari. A lanciare l’appello tramite “il Settimanale della Diocesi di Como”, è il referente di Porta Aperta, Giuseppe Menafra...
Nuova pagina Caritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stata pubblicata sul numero de “il Settimanale della Diocesi di Como" del 4 ottobre 2018 la nuova pagina Caritas...
Symploké: i toccanti racconti di Joshua ed Emmanuel Sul sito della Cooperativa sociale Symploké (www.symplokecoop.it) sono state pubblicate il 3 agosto scorso due toccanti storie di accoglienza sul nostro territorio...
Progetto CASA contro l'emergenza abitativa Sul "Settimanale" del 12 luglio è stata pubblicata una interessante pagina, a cura della giornalista Enrica Lattanzi, che fa il punto sul progetto C.A.S.A. (Comunità Aperta Solidale Accogliente) della Caritas diocesana di Como...
A Como il Negozio dell'Usato solidale: i nuovi orari Continua la sua attività a Como, in via Morazzone 17 (150 metri da via Milano), il “Negozio dell’Usato Solidale”, nato grazie all’impegno della Cooperativa “Si può fare” e altre realtà della città. I nuovi orari di apertura...
"Si può fare", nuovo negozio a Olgiate Comasco “Si Può Fare”, la Cooperativa voluta dalla Caritas diocesana e dall’associazione Ozanam per offrire opportunità lavorative a persone in difficoltà, amplia la sua attività con un nuovo negozio a Olgiate Comasco...
"Favole in viaggio. Venti storie migranti", il libro di Symploké La Cooperativa sociale Symploké ha da poco messo a punto un interessante progetto: la pubblicazione di "Favole in viaggio. Venti storie migranti". Stefano Sosio, operatore di Symploké e responsabile del progetto, ci illustra nei dettagli come è nato questo interessante libro...
Collane e bracciali solidali per il Brasile Un'iniziativa particolare a sostegno del progetto internazionale di Caritas dedicato al Brasile: la “vendita” a offerta minima di bellissime collane e braccialetti realizzati a mano dalle donne di San Paolo...
Nuovi documenti pubblicati da Caritas Italiana Numerosi nuovi dossier sulle situazioni di crisi internazionali sono leggibili e scaricabili nella sezione "Area promozione umana" del nostro sito alla pagina "Immigrazione"...
News precedente      News successiva
FONDAZIONE CARITAS
La Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio OnlusLa Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio Onlus si propone di provvedere nel territorio della Diocesi di Como, ed in particolare con l’Ordinario diocesano e l’ufficio Caritas, allo svolgimento di attività nel settore dell’assistenza sociale e precisamente alla promozione, al sostegno e alla gestione di iniziative e servizi a carattere caritativo-assistenziali
 
>>> Apri     
 

 
  

Usiamo i cookie - anche di terze parti - per consentirti un migliore utilizzo del nostro sito web. Per maggiori informazioni sui cookie, consulta la Informativa Estesa sui cookie.
Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

LEGGI INFORMATIVA         HO CAPITO, CHIUDI