NUOVO SITO CARITAS COMO: http://caritas.diocesidicomo.it/
Skip Navigation LinksCaritasComo.it > Primo Piano > Editoriali > Archivio Editoriali > Editoriale dall'archivio storico

EDITORIALE

11 febbraio 2016

I profughi alla stazione: il paradosso e l'ipocrisia

Questa presenza all'interno dello scalo di San Giovanni a Como dura da oltre quattro mesi e coinvolge una trentina di persone. Sono in prevalenza pakistani e afghani; altre persone sono di etnia Rom, alcuni anche italiani

 

In tutta umiltà, ma con estrema fermezza, desidero esprimere in queste poche righe il mio pensiero in relazione alla situazione delle persone di diversa nazionalità che da alcuni mesi dormono (alcuni usano il termine “bivaccano”, altri il termine “stazionano”… quasi una presa in giro!) nell’androne di fronte alla biglietteria della stazione di San Giovanni a Como, determinando non poche proteste degli stessi utenti e del personale dello scalo comasco.

Questa presenza dura da oltre quattro mesi e coinvolge una trentina di persone. Sono in prevalenza pakistani e afghani giunti a Como dopo aver attraversato Iran, Turchia, le “rotte dei Balcani”; altre persone sono di etnia Rom, alcuni anche italiani senza dimora, che rifiutano accoglienza nelle strutture presenti sul territorio.

Sono persone che sono “invisibili”, vivono in una sorta di limbo, dove anche la burocrazia non trova “spazi operativi”. Infatti, se avessimo la voglia di conoscere la storia di questi profughi (penso in particolare ai pakistani), dovremmo farli rientrare di diritto nel progetto denominato “Mare Nostrum” e procedere con l’iter per la richiesta di protezione internazionale. Tuttavia, essendo giunti via terra in modo spontaneo (senza rischiare, insomma, di finire annegati in mare) dalle autorità italiane sono considerati “normali” richiedenti asilo e così non possono essere accolti nelle strutture (parrocchie comprese) che in questi anni ospitano e danno una vita dignitosa ai migranti. Il centro di Prestino - l’unico che potrebbe accoglierli - è sempre pieno. Quindi ecco l’alternativa: la stazione di San Giovanni.

La situazione è paradossale sotto tutti i punti di vista. Ci sono profughi di serie A e profughi di serie B. Le istituzioni conoscono il problema, ma non intervengono.

A queste persone si cerca di dare una mano (grazie anche all’aiuto di tanti volontari), offrendo cibo, vestiti, coperte, controlli sanitari e così via. Caritas e la rete delle associazioni “private” cittadine sono sul campo tutti i giorni e concretamente cercano di fare ciò che il “pubblico” non fa.

Del resto, pensare che questi rifugiati spariscano dall’oggi al domani è semplicemente ridicolo. Ciò è il frutto di una mancanza di pensiero e di progettualità a livello europeo e nazionale e uno scollamento tra i poteri politici (Governo, Regioni, Comuni) e i servizi dello Stato a livello locale. Certo, la Prefettura fa il suo “pezzettino” (prende atto, insomma, che sono presenti in stazione e monitora la situazione), la Questura produce il suo pezzo di carta (così queste persone hanno un nome e una provenienza, ma non possono chiedere asilo), il Comune dice che non ci sono attualmente spazi per accoglierli nelle strutture pubbliche.
Di conseguenza, tutti delegano il problema ad altri, cioè a chi sul territorio da anni si assume la responsabilità e il dovere morale di “farsi prossimo” nei confronti di chi fugge dalla guerra, dalla fame, di chi ha perso tutto, di chi è rifiutato dalla società.

Mi si permetta, infine, di raccontare un paradosso nel paradosso. Nelle ultime settimane i funzionari della Polizia ferroviaria tolgono al mattino le coperte usate nella notte dai profughi. Non entro nel merito di questa decisione e delle sue conseguenze. Tuttavia, ricordo che in questo modo è stata messa in discussione l’utilità di un recente “tavolo di lavoro organizzativo”, nato tra tutti i soggetti della città impegnati sul campo, per studiare e coordinare azioni di sostegno e di aiuto. Insomma, un problema nel problema.
Ad oggi, la situazione è in una fase di stallo. L’ennesima.

Che fare? Bisogna saper pensare in modo concreto e agire in modo concreto.

La civile convivenza è solidarietà, è offrire a ogni persona dignità e la possibilità di avere i propri diritti. Quale società costruiamo negando tutto ciò? Di fronte all’indifferenza e al primato della burocrazia sulla ragione, come possiamo dire che l’Italia è migliore di altri Paesi, dove quotidianamente vengono calpestati i più elementari diritti civili?
 

 

Roberto Bernasconi, direttore della Caritas diocesana di Como
 
VICARIATI E PARROCCHIE
  • LA CARTA DELLA DIOCESI
    >>> Vai     
 
INFORMAZIONE Newsletter, Pagina Caritas, Informa Caritas, In Caritas e tanto altro!  
CALENDARIO
Calendario Appuntamenti
NOTIZIE FLASH
Nuova pagina Caritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stata pubblicata sul numero de “il Settimanale della Diocesi di Como" del 26 marzo 2020 la nuova pagina Caritas...
Balkan Route: opportunità di volontariato internazionale per giovani in Bosnia Come nel 2018 e nel 2019 la Caritas di Como propone anche quest'anno ai giovani interessati due tipi di impegno particolarmente interessanti...
Quaresima 2020: scopri i progetti di carità della Diocesi di Como. Dona anche tu! I progetti scelti anche quest’anno dalla Caritas diocesana per la Quaresima vogliono offrire, con il sostegno di tutti, risposte a bisogni diversi della persona...
Casa per infanzia e minori di Rebbio: ora è davvero tutto pronto L'open day si è tenuto domenica 9 febbraio. La Cooperativa Symploké gestirà all’interno dell’edificio un centro diurno, una comunità per minori e una comunità genitore-bambino...
Continua la campagna di “Vicini di strada” a sostegno dei dormitori invernali La Caritas diocesana di Como è, come ogni anno, soggetto attivo nella gestione dei dormitori invernali (temporanei) nella città di Como. Di seguito vi proponiamo il comunicato diffuso dalla rete "Vicini di Strada" di cui la stessa Caritas fa parte...
Valtellina: sempre attivi i servizi Caritas. Il punto con dati e riflessioni Su “il Settimanale della Diocesi di Como” del 6 febbraio il punto della povertà sul territorio valtellinese e dell’attività dei servizi che accolgono le persone in difficoltà
“Non si tratta solo di migranti”: presentato il 28esimo Rapporto Caritas Migrantes “Non si tratta solo di migranti” è il titolo dell’incontro che si è svolto mercoledì 22 gennaio alla Biblioteca di Como, in occasione della pubblicazione dell’annuale Rapporto Caritas e Migrantes, giunto alla 28esima edizione...
Caritas Como e Caritas Ticino: formarsi insieme sull’enciclica Laudato Si’ Nel solco dell’amicizia e della collaborazione che da alcuni anni si stanno consolidando fra le diocesi di Como e Lugano, lo scorso 18 gennaio si è svolta una giornata di approfondimento sull’enciclica di papa Francesco “Laudato si’”...
Campi Ancarano: apre il centro di comunità grazie a Caritas Como Sabato 30 novembre è stata inaugurata la nuova chiesa, che è anche centro di comunità, a Campi Ancarano (Pg), frazione di Norcia, nel cuore del cratere del terremoto del 2016...
Emergenza freddo: aperta la tensostruttura al Card. Ferrari Al Centro pastorale Cardinal Ferrari di Como è attiva dallo scorso 1° novembre la tensostruttura che ospita fino a cinquanta persone per tutto il periodo invernale...
Nuovo InformaCaritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stato pubblicato sul numero del 10 ottobre 2019 de “il Settimanale della Diocesi di Como” il nuovo InformaCaritas...
Il nuovo servizio Whatsapp della Caritas diocesana La Caritas diocesana di Como ha organizzato un nuovo servizio Whatsapp per permettere a tutte le persone interessate di essere aggiornate costantemente sulle varie attività. Come iscriversi...
News precedente      News successiva
FONDAZIONE CARITAS
La Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio OnlusLa Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio Onlus si propone di provvedere nel territorio della Diocesi di Como, ed in particolare con l’Ordinario diocesano e l’ufficio Caritas, allo svolgimento di attività nel settore dell’assistenza sociale e precisamente alla promozione, al sostegno e alla gestione di iniziative e servizi a carattere caritativo-assistenziali
 
>>> Apri     
 

 
  

Usiamo i cookie - anche di terze parti - per consentirti un migliore utilizzo del nostro sito web. Per maggiori informazioni sui cookie, consulta la Informativa Estesa sui cookie.
Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

LEGGI INFORMATIVA         HO CAPITO, CHIUDI
NUOVO SITO CARITAS COMO: http://caritas.diocesidicomo.it/