Skip Navigation LinksCaritasComo.it > Primo Piano > Editoriali > Archivio Editoriali > Editoriale dall'archivio storico

EDITORIALE

02 luglio 2016

Migranti: dal Vicentino un progetto stimolante

In queste ultime settimane si moltiplicano i progetti per risolvere i problemi legati all’accoglienza dei migranti che giungono sul territorio italiano

 

Premessa

In queste ultime settimane si moltiplicano i progetti per risolvere i problemi legati all’accoglienza dei migranti che giungono sul territorio italiano.
Tra questi si segnala la sottoscrizione di un protocollo tra la Prefettura di Vicenza e 21 Comuni dell'Altovicentino per dare migliore ospitalità ai richiedenti asilo. L’obiettivo è di garantire un'accoglienza diffusa ad ampio raggio sul territorio (massimo 2 migranti per 1.000 abitanti); e di dare la possibilità ai Comuni, in dialogo con le rispettive Prefetture, di scegliere enti gestori seri, evitando di trovarsi poi in balìa di enti che agiscono unicamente per lucro e sprovvisti delle professionalità minime per garantire un'accoglienza dignitosa e “in dialogo” con il territorio.

Di fronte ai goffi e inumani tentativi di esternalizzazione delle frontiere, sempre a carico di Paesi essi stessi teatro di fuga da parte dei propri abitanti a causa di condizioni di vita poco sostenibili per povertà o per mancanza di diritti umani “minimi” (vedi, ad esempio, il Niger, il Marocco o la Turchia), c'è da sperare in una immediata revisione della normativa sulla Protezione Internazionale che, come è ormai noto, si rifà alla Convenzione di Ginevra del 1951 e al protocollo di New York del 1967. Senza entrare nel merito di una materia estremamente complessa, si trattava sostanzialmente di una risposta, elaborata sulla scorta degli enormi crimini perpetrati dalle dittature europee durante il secondo conflitto mondiale, alla situazione creatasi al termine del conflitto, ossia alla contrapposizione esistente a livello mondiale tra i due blocchi occidentale e orientale.

Non è difficile intuire quanto uno strumento simile possa rivelarsi inadeguato più di 50 anni dopo, quando lo si impieghi per dare una risposta a esigenze del tutto diverse a livello mondiale. Tant'è che già in seguito alle migrazioni degli anni Novanta causate dalle guerre balcaniche i Paesi dell'Europa occidentale si sono visti costretti a ideare e applicare nuove e diverse forme di protezione internazionale, al di fuori di quelle classiche previste dall'Onu. Oggi, a vent'anni dalle guerre balcaniche e di fronte a movimenti migratori di questa portata, è doveroso interrogarsi sull'inadeguatezza della normativa che regola la concessione della protezione internazionale.

Accade infatti che, come sottolinea Franco Valenti, «una normativa che prevede la garanzia di tutela e protezione solo per singoli individui che possano dare una narrazione coerente e credibile nei nessi causali che hanno determinato una loro personale e continuativa condizione di perseguitati, o, in subordine, a color che fuggono da zone di conflitto armato certificato da siti informativi istituzionali di segreterie di Stato, in particolare statunitense o inglese, lascia messe intere di persone in estremo rischio di morte in balìa della discrezionalità dei singoli Stati».

Le motivazioni di questa situazione, che ha portato nel 2015 a una crisi continentale vissuta come epocale e senza precedenti dai tempi del secondo conflitto mondiale (sebbene l'Europa abbia accolto nel 2015 un flusso di richiedenti asilo corrispondente allo 0,3% della propria popolazione), risiedono proprio nel fatto che il dispositivo normativo non è più adatto a gestire efficacemente l'attuale mobilità dei fuggitivi.

L'unica via di uscita che paia in grado di scongiurare il rischio della creazione di eserciti di milioni di persone che vaghino da un Paese all'altro, una sorta di zombie sociali in cerca dello spiraglio giusto per legalizzare la propria posizione, sembra essere il concretizzarsi, da parte dell'Europa, di una visione condivisa - che è del resto parte del patrimonio comune europeo, delle sue tanto discusse “radici” - secondo cui il fuggire dalla morte a causa di povertà, il desiderio di avere accesso all'istruzione o alla tutela della propria salute siano diritti riconosciuti a qualunque essere umano, muovendosi così verso il riconoscimento di nuovi paradigmi di protezione che equiparino il rischio di morire per un colpo di fucile a quello di morire di fame, di stenti o per la mancanza o carenza di cure sanitarie adeguate.

Parte da questa considerazione e, in particolare, dal progetto vicentino il tema del nuovo editoriale del direttore della Caritas diocesana di Como, Roberto Bernasconi:

L’idea di distribuire i migranti sull’intero territorio comasco e della Diocesi in modo uniforme e, soprattutto, senza creare assembramenti nelle strutture di accoglienza è l’obiettivo prioritario che cerchiamo di perseguire ogni giorno. Ma, come sempre, tra il dire il fare c’è di mezzo il mare. Infatti, se vogliamo realizzare questo progetto anche nella nostra realtà deve essere sancito un chiaro accordo tra la Prefettura e i sindaci. Tra una Prefettura (che sappiamo disponibile) e tutti i sindaci (che purtroppo - e sono la maggioranza - non sono propensi a prendere questo tipo di decisione). Per fare un esempio, nella nostra Diocesi alcuni sindaci sono apertamente contrari anche all’accoglienza fatta dalla Caritas nelle parrocchie. Questo atteggiamento - a mio giudizio - è miope perché scarica le responsabilità proprie di un amministratore locale su altri e, peggio ancora, crea le condizioni di aprire il territorio ad accoglienze non qualificate e legate a un mero motivo economico. Tutto ciò rappresenta un problema latente di difficile controllo.

Credo, invece, che questo protocollo ideato a Vicenza garantisca la possibilità di un’accoglienza diffusa (che evita assembramenti e centri sovraffollati) e la possibilità di un controllo maggiore degli Enti che ospitano i migranti, garantendo un servizio attivo, fatto di umanità e anche di opportunità formative e lavorative.

Infine, mi permetto di evidenziare un ultimo aspetto. Sono convinto che l’atteggiamento di chiusura del nostro territorio su questi temi così scottanti e urgenti è spesso effetto di una miopia politica ed etica dei nostri amministratori, ma soprattutto è frutto dell’incapacità - o mancanza di volontà - di lavorare insieme. Insomma, ognuno di noi cura il proprio orticello senza badare al prossimo, mettendo le mani davanti a occhi e turandosi naso e orecchie. Questo atteggiamento non ci porta da nessuna parte. Purtroppo.

 

 

 

Roberto Bernasconi, direttore della Caritas diocesana di Como
 
VICARIATI E PARROCCHIE
  • LA CARTA DELLA DIOCESI
    >>> Vai     
 
INFORMAZIONE Newsletter, Pagina Caritas, Informa Caritas, In Caritas e tanto altro!  
CALENDARIO
Calendario Appuntamenti
NOTIZIE FLASH
Valmalenco, quattro incontri a marzo con la Caritas La comunità pastorale della Valmalenco ha organizzato quattro incontri con la Caritas dal titolo: “In ascolto di Gesù, Buon Samaritano dell’umanità”. Primo appuntamento lunedì 18 marzo a Caspoggio...
Proposte Giovani: con la Caritas nei campi per migranti in Serbia Di ritorno dalla rotta balcanica e dalla recente visita ai campi profughi in Bosnia e Serbia, la Caritas di Como vuole proporre ai giovani interessati una esperienza estiva di volontariato a favore degli ospiti dei campi...
Rebbio: parte il progetto per una comunità per minori Una fondazione svizzera regala alla comunità di Rebbio una casa per i minori. Il progetto vede la collaborazione tra la parrocchia di San Martino, la Cooperativa Symploké e la Fondazione elvetica “Main dans la main”...
Il nuovo servizio Whatsapp della Caritas diocesana La Caritas diocesana di Como ha organizzato un nuovo servizio Whatsapp per permettere a tutte le persone interessate di essere aggiornate costantemente sulle varie attività. Come iscriversi...
Symploké, lettera al direttore del “Settimanale” Ecco la “Lettera al direttore”, pubblicata sul numero del 7 marzo 2019 de “il Settimanale della diocesi di Como”, che contiene riflessioni del presidente della Cooperativa sociale Symploké, Stefano Sosio...
Nuovo InformaCaritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stato pubblicato sul numero del 28 febbraio 2019 de “il Settimanale della Diocesi di Como” il nuovo InformaCaritas...
Caritas Como-Ticino: il volontariato lungo il confine Le Diocesi di Como e Lugano hanno invitato la cittadinanza a partecipare, domenica 24 febbraio 2019 a Como, al pomeriggio di approfondimento dal titolo “La solidarietà attraversa i confini - Storie di volontariato fra Como e Ticino”. Il report sul "Settimanale"...
“Scarp de’ tenis”, da 25 anni l’Italia vista dalla strada Ha vinto recentemente il premio giornalistico “Buone Notizie” 2019 e da 25 anni è distribuita sul territorio nazionale e anche a Como e provincia. Stiamo parlando di “Scarp de’ tenis”, la rivista mensile che è anche occasione di lavoro per chi vive ai margini...
Oliviero Forti a Como: «Vogliamo la verità o la nostra bugia preferita?» Lo scorso 9 gennaio, Oliviero Forti, responsabile dell’Area Internazionale di Caritas Italiana, ha presentato a Como il XXVII Rapporto sulle migrazioni di Caritas-Migrantes...
“Minori migranti, maggiori rischi”, dossier Caritas italiana Ogni giorno 44,4 persone sono obbligate a lasciare le proprie case. I minori sotto i 18 anni di età costituiscono circa la metà della popolazione rifugiata (circa 30 milioni). Pubblicato nuovo dossier di Caritas italiana...
Corridoi umanitari: famiglia irachena da Mosul a Como grazie a Caritas Arrivano dalla Piana di Ninive, da quelle terre che sono state culla del patrimonio culturale mondiale e casa dei Patriarchi, le cui vicissitudini leggiamo nell’Antico Testamento. Sono Hanna, Wasan e Mereya: papà, mamma e figlia...
Symploké: i frutti del progetto scouting lavoro Costruire integrazione partendo dal lavoro: è questo il senso del "virtuoso" progetto della Cooperativa Symploké che ha attuato nel corso del tempo percorsi di scouting aziendale per le persone accolte nelle sue strutture...
“Il peso delle armi": 
il sesto Rapporto sui conflitti dimenticati È stata presentata a Roma, nel 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, la sesta edizione del rapporto di Caritas Italiana sui conflitti dimenticati. Nel 2017 i conflitti nel mondo sono stati 378; di questi, sono 20 le guerre ad elevata intensità...
Torna in parrocchia Scarp de’ tenis, il mensile della strada Da alcuni anni la rivista “Scarp de’ tenis” è distribuita anche nella diocesi di Como grazie alla collaborazione della Caritas diocesana e al lavoro - attualmente - di due venditori...
Uggiate Trevano, il CdA compie 20 anni Il Centro di Ascolto di Uggiate Trevano ha tagliato il traguardo dei vent’anni di attività. Un servizio portato avanti dall’impegno gratuito, silenzioso e costante di tanti volontari
. Un servizio prezioso e gratuito, nato
 su impulso 
delle comunità parrocchiali della zona, per andare incontro alle tante fragilità del territorio...
CdA Cuveglio: presentata la Relazione sociale 2017 Il Centro di Ascolto "Isa Meardi" di Cuveglio (VA) ha presentato in questi giorni la propria Relazione sociale 2017 con l'intento di comunicare e condividere il lavoro svolto dal gruppo dei volontari impegnati "al servizio della Carità"...
Parrocchia di S.Orsola a Como, i corsi di italiano per stranieri Nei giorni scorsi si è aperto il nuovo anno di corsi della scuola di italiano per stranieri. I locali sono quelli della parrocchia di Como-Sant’Orsola, ma ne esistono due gemmazioni: una a Rebbio, sempre presso la parrocchia, l’altra a Cernobbio...
Il Centro Diurno “L’Incontro” di Como festeggia 10 anni Su “il Settimanale della Diocesi di Como” del 25 ottobre 2018 è pubblicata una interessante pagina in occasione della ricorrenza dei 10 anni di fondazione del Centro Diurno “L’Incontro” della Caritas diocesana di Como...
Il dormitorio dei Comboniani di Rebbio cerca volontari Il dormitorio per senza dimora attivo presso i Comboniani di Rebbio cerca nuovi volontari. A lanciare l’appello tramite “il Settimanale della Diocesi di Como”, è il referente di Porta Aperta, Giuseppe Menafra...
Nuova pagina Caritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stata pubblicata sul numero de “il Settimanale della Diocesi di Como" del 4 ottobre 2018 la nuova pagina Caritas...
Symploké: i toccanti racconti di Joshua ed Emmanuel Sul sito della Cooperativa sociale Symploké (www.symplokecoop.it) sono state pubblicate il 3 agosto scorso due toccanti storie di accoglienza sul nostro territorio...
Progetto CASA contro l'emergenza abitativa Sul "Settimanale" del 12 luglio è stata pubblicata una interessante pagina, a cura della giornalista Enrica Lattanzi, che fa il punto sul progetto C.A.S.A. (Comunità Aperta Solidale Accogliente) della Caritas diocesana di Como...
A Como il Negozio dell'Usato solidale: i nuovi orari Continua la sua attività a Como, in via Morazzone 17 (150 metri da via Milano), il “Negozio dell’Usato Solidale”, nato grazie all’impegno della Cooperativa “Si può fare” e altre realtà della città. I nuovi orari di apertura...
"Si può fare", nuovo negozio a Olgiate Comasco “Si Può Fare”, la Cooperativa voluta dalla Caritas diocesana e dall’associazione Ozanam per offrire opportunità lavorative a persone in difficoltà, amplia la sua attività con un nuovo negozio a Olgiate Comasco...
"Favole in viaggio. Venti storie migranti", il libro di Symploké La Cooperativa sociale Symploké ha da poco messo a punto un interessante progetto: la pubblicazione di "Favole in viaggio. Venti storie migranti". Stefano Sosio, operatore di Symploké e responsabile del progetto, ci illustra nei dettagli come è nato questo interessante libro...
Collane e bracciali solidali per il Brasile Un'iniziativa particolare a sostegno del progetto internazionale di Caritas dedicato al Brasile: la “vendita” a offerta minima di bellissime collane e braccialetti realizzati a mano dalle donne di San Paolo...
Nuovi documenti pubblicati da Caritas Italiana Numerosi nuovi dossier sulle situazioni di crisi internazionali sono leggibili e scaricabili nella sezione "Area promozione umana" del nostro sito alla pagina "Immigrazione"...
News precedente      News successiva
FONDAZIONE CARITAS
La Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio OnlusLa Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio Onlus si propone di provvedere nel territorio della Diocesi di Como, ed in particolare con l’Ordinario diocesano e l’ufficio Caritas, allo svolgimento di attività nel settore dell’assistenza sociale e precisamente alla promozione, al sostegno e alla gestione di iniziative e servizi a carattere caritativo-assistenziali
 
>>> Apri     
 

 
  

Usiamo i cookie - anche di terze parti - per consentirti un migliore utilizzo del nostro sito web. Per maggiori informazioni sui cookie, consulta la Informativa Estesa sui cookie.
Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

LEGGI INFORMATIVA         HO CAPITO, CHIUDI