NUOVO SITO CARITAS COMO: http://caritas.diocesidicomo.it/
Skip Navigation LinksCaritasComo.it > Primo Piano > Editoriali > Archivio Editoriali > Editoriale dall'archivio storico

EDITORIALE

10 ottobre 2016

Rimbocchiamoci tutti le maniche

Il “volano virtuoso” degli oltre 600 volontari impegnati nei mesi scorsi non deve fermarsi e la Caritas cittadina è disponibile a confrontarsi e a indirizzare al meglio tutte le proposte che vanno in direzione di un lavoro coordinato sul territorio

 

 

A circa tre settimane dall’apertura del campo di accoglienza profughi di via Regina a Como, dove pernottano ormai in modo stabile oltre 250 persone, è d’obbligo fare il punto di un’esperienza che è iniziata, come si ricorderà, a luglio e che - tra grandi slanci solidali, mobilitazione virtuosa di enti, associazioni e centinaia di volontari, nonché qualche inevitabile polemica e varie strumentalizzazioni - si è consolidata e stabilizzata e sarà attiva anche nei prossimi mesi.
Mesi che, lo ricordiamo, potrebbero essere verosimilmente altrettanto impegnativi sul fronte di nuovi arrivi e quindi dell’accoglienza sul territorio comasco.

Si parlava di punto della situazione. Ebbene, la prima riflessione è positiva.
Tante persone di “buona volontà” - pensiamo per esempio all’esperienza della mensa solidale di Sant’Eusebio - enti, associazioni, gruppi di volontariato si sono prontamente attivate con generosità e si sono messe a disposizione per aiutare queste persone (uomini, donne, minori). Tutto ciò in una fase di estrema emergenza. Oggi, questo “volano virtuoso” non deve fermarsi. Anzi, iniziative e progetti di socializzazione e accoglienza sono già stati pensati per proseguire in questo cammino di solidarietà.
Tuttavia, mi preme sottolineare un aspetto che considero fondamentale. Questa importante esperienza ha messo in evidenza una “povertà” dei nostri tempi, cioè l’incapacità di saper lavorare insieme su un progetto comune. Spesso, infatti, ogni singolo volontario, oppure un gruppo, un ente, un’associazione… avevano un personale progetto di lavoro, ma difficilmente vi era la capacità o l’intenzione di collaborare insieme per accordarsi e interagire con un unico fine. Un esempio banalissimo? Spesso era impossibile accordarsi sul menu da distribuire quotidianamente ai migranti.

Questo individualismo imperante - che si manifesta anche nelle scelte sociali e politiche a più livelli - va superato senza indugio, proprio per proseguire nei prossimi mesi in questa azione di accoglienza sul territorio.

E poi - lasciatemelo dire – basta con le critiche sterili e fine a se stesse. Basta con le strumentalizzazioni o la cattiva informazione.
Anche queste dinamiche fanno parte dell’individualismo di cui sopra.
Tutti, invece, dobbiamo essere corresponsabili della vita di questi nostri fratelli. Nella vita di tutti i giorni, nelle scelte quotidiane, nello sforzo di cambiare modi di pensare e vedere noi stessi e gli altri.
Se non facciamo questo sforzo culturale e di fede rischiamo di perdere questa importante battaglia e tutto ciò che di bello abbiamo costruito rischia di essere vanificato per sempre.

Detto questo mi permetto di suggerire qualche consiglio pratico.
L’emergenza dei migranti accampati davanti alla stazione San Giovanni è finita. E con essa anche alcuni servizi di supporto attivati in città.
Oggi è operativo un campo di accoglienza che, grazie alla Croce Rossa provinciale, alle istituzioni e all’aiuto della Caritas diocesana sul fronte della consulenza legale, accoglie queste persone offrendo loro un alloggio, pasti caldi, vestiti e altri servizi fondamentali come l’assistenza sanitaria.

Ma l’accoglienza e la vicinanza devono essere fatte di altro.
Parlo di una progettualità per ogni persona, che passa attraverso servizi e opportunità che vanno organizzati e incentivati in brevissimo tempo: insegnamento della lingua italiana, corsi di formazione professionale, conoscenza del territorio, gestione del tempo libero e così via.
Il “volano virtuoso” dei circa 600 volontari impegnati nei mesi scorsi non deve fermarsi e la Caritas cittadina, a questo proposito, è disponibile a confrontarsi e a indirizzare al meglio tutte le proposte e iniziative che vanno in questa direzione. Anche perché, come detto prima, un volontariato strutturato, cosciente e coerente può essere l’arma vincente per le prossime battaglie.
E, dietro l’angolo, presto ci attende un’altra sfida: l’emergenza freddo in città. Quest’anno questa “battaglia” potrebbe essere più impegnativa degli ultimi anni. Sia perché la presenza dei migranti non va sottovalutata, sia perché la grave emarginazione e la povertà colpiscono anche i cittadini comaschi.
E in maniera sempre più evidente.
Allora, rimbocchiamoci tutti le maniche.
Insieme possiamo farcela.

 

 

Roberto Bernasconi, direttore della Caritas diocesana di Como
 
VICARIATI E PARROCCHIE
  • LA CARTA DELLA DIOCESI
    >>> Vai     
 
INFORMAZIONE Newsletter, Pagina Caritas, Informa Caritas, In Caritas e tanto altro!  
CALENDARIO
Calendario Appuntamenti
NOTIZIE FLASH
Nuova pagina Caritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stata pubblicata sul numero de “il Settimanale della Diocesi di Como" del 26 marzo 2020 la nuova pagina Caritas...
Balkan Route: opportunità di volontariato internazionale per giovani in Bosnia Come nel 2018 e nel 2019 la Caritas di Como propone anche quest'anno ai giovani interessati due tipi di impegno particolarmente interessanti...
Quaresima 2020: scopri i progetti di carità della Diocesi di Como. Dona anche tu! I progetti scelti anche quest’anno dalla Caritas diocesana per la Quaresima vogliono offrire, con il sostegno di tutti, risposte a bisogni diversi della persona...
Casa per infanzia e minori di Rebbio: ora è davvero tutto pronto L'open day si è tenuto domenica 9 febbraio. La Cooperativa Symploké gestirà all’interno dell’edificio un centro diurno, una comunità per minori e una comunità genitore-bambino...
Continua la campagna di “Vicini di strada” a sostegno dei dormitori invernali La Caritas diocesana di Como è, come ogni anno, soggetto attivo nella gestione dei dormitori invernali (temporanei) nella città di Como. Di seguito vi proponiamo il comunicato diffuso dalla rete "Vicini di Strada" di cui la stessa Caritas fa parte...
Valtellina: sempre attivi i servizi Caritas. Il punto con dati e riflessioni Su “il Settimanale della Diocesi di Como” del 6 febbraio il punto della povertà sul territorio valtellinese e dell’attività dei servizi che accolgono le persone in difficoltà
“Non si tratta solo di migranti”: presentato il 28esimo Rapporto Caritas Migrantes “Non si tratta solo di migranti” è il titolo dell’incontro che si è svolto mercoledì 22 gennaio alla Biblioteca di Como, in occasione della pubblicazione dell’annuale Rapporto Caritas e Migrantes, giunto alla 28esima edizione...
Caritas Como e Caritas Ticino: formarsi insieme sull’enciclica Laudato Si’ Nel solco dell’amicizia e della collaborazione che da alcuni anni si stanno consolidando fra le diocesi di Como e Lugano, lo scorso 18 gennaio si è svolta una giornata di approfondimento sull’enciclica di papa Francesco “Laudato si’”...
Campi Ancarano: apre il centro di comunità grazie a Caritas Como Sabato 30 novembre è stata inaugurata la nuova chiesa, che è anche centro di comunità, a Campi Ancarano (Pg), frazione di Norcia, nel cuore del cratere del terremoto del 2016...
Emergenza freddo: aperta la tensostruttura al Card. Ferrari Al Centro pastorale Cardinal Ferrari di Como è attiva dallo scorso 1° novembre la tensostruttura che ospita fino a cinquanta persone per tutto il periodo invernale...
Nuovo InformaCaritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stato pubblicato sul numero del 10 ottobre 2019 de “il Settimanale della Diocesi di Como” il nuovo InformaCaritas...
Il nuovo servizio Whatsapp della Caritas diocesana La Caritas diocesana di Como ha organizzato un nuovo servizio Whatsapp per permettere a tutte le persone interessate di essere aggiornate costantemente sulle varie attività. Come iscriversi...
News precedente      News successiva
FONDAZIONE CARITAS
La Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio OnlusLa Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio Onlus si propone di provvedere nel territorio della Diocesi di Como, ed in particolare con l’Ordinario diocesano e l’ufficio Caritas, allo svolgimento di attività nel settore dell’assistenza sociale e precisamente alla promozione, al sostegno e alla gestione di iniziative e servizi a carattere caritativo-assistenziali
 
>>> Apri     
 

 
  

Usiamo i cookie - anche di terze parti - per consentirti un migliore utilizzo del nostro sito web. Per maggiori informazioni sui cookie, consulta la Informativa Estesa sui cookie.
Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

LEGGI INFORMATIVA         HO CAPITO, CHIUDI
NUOVO SITO CARITAS COMO: http://caritas.diocesidicomo.it/