Skip Navigation LinksCaritasComo.it > Primo Piano > Editoriali > Archivio Editoriali > Editoriale dall'archivio storico

EDITORIALE

04 gennaio 2018

Pace è accoglienza e promozione umana

Dalla Veglia di preghiera per la Pace celebrata il 31 dicembre 2017, le parole del direttore della Caritas, che ha declinato i verbi cari a papa Francesco

 

Nell’ambito della Giornata della Pace, celebrata il 1° gennaio 2018, la sera del 31 dicembre 2017 il vicariato di Como Centro ha vissuto una Veglia di preghiera per la Pace, presso la basilica di San Fedele. Riportiamo un ampio stralcio dall’intervento del direttore Caritas diocesana, Roberto Bernasconi, che ha sottolineato nel vissuto diocesano i verbi di azione declinati da papa Francesco nel suo Messaggio annuale.

 


«Con il messaggio per la Giornata mondiale della Pace, papa Francesco esprime in modo netto questo bisogno di pace che però può realizzarsi solo se noi, con le nostre scelte di vita, diventiamo strumenti di pace.
Lui ci aiuta indicandoci alcuni verbi che sta a noi riempire di contenuti.

ACCOGLIERE. 
Che cosa è l’accoglienza nella nostra città? Innanzitutto è conoscenza vera di chi è arrivato tra di noi e di chi da sempre tra di noi vive la strada o la povertà estrema. 1.300 sono i migranti, 250/300 sono le persone senza dimora, 450 sono le famiglie che hanno bisogno del nostro Centro di Ascolto.
La domanda che ci dobbiamo porre è: la nostra è accoglienza o ospitalità? Chi è accolto entra a far parte a pieno titolo della nostra città e può esprimere ciò che sono le sue esperienze di vita, le sue fatiche ma, soprattutto, le sue difficoltà le sue povertà, perché possano diventare esperienze comuni; invece, chi è ospite è aiutato, è tollerato e diventa semplicemente strumento nelle nostre mani per esercitare il nostro desiderio di filantropia.

PROTEGGERE. 
In che modo mettiamo in atto la protezione di questi fratelli e sorelle che arrivano da noi o che stanno nella nostra città da sempre e che sono alla berlina di chi vuole sfruttare la loro condizione per arricchirsi?
Sto pensando in questo momento ai passatori, agli “spacciatori”, a chi induce le ragazze e i minori alla prostituzione, a chi propone loro lavoro in nero, a chi li illude che trovando strade alternative alla legalità possono raggiungere i loro sogni: questi sfruttamenti sono presenti in modo concreto nella nostra città. Liberare dalla schiavitù le persone che cadono preda di questi operatori di “guerra” è compito nostro: noi dobbiamo aiutare chi rimane invischiato in questi percorsi di male a uscirne e possiamo farlo se abbiamo il coraggio di denunciare chi delinque, ma soprattutto se in modo netto indichiamo e percorriamo noi per prima la strada della legalità, che è stretta e difficile da percorre, ma è l’unica che ti dà una possibilità vera di futuro.

PROMUOVERE. 
Chi vive nella nostra città una condizione di marginalità arriva a questa condizione anche a causa di alcune carenze culturali e sociali che li porta a vivere ai margini, a sentirsi inadeguati, a considerarsi cittadini di serie “B”. Promuovere, allora, vuol dire mettere a disposizione possibilità di istruzione: le varie scuole di italiano attive sul territorio, aiutano almeno 500 persone a conoscere la nostra lingua; inoltre, sono più di 300 le persone che hanno imparato un mestiere attraverso i corsi professionali organizzati con la collaborazione di associazioni e privati. 
Promuovere per la nostra città vuol dire mettere a frutto le capacità di tante persone che, attraverso la mediazione culturale aiutano a comprenderci; vuol dire anche dar spazio e possibilità di esprimersi a chi attraverso lo spirito di intraprendenza vuole impegnarsi in mestieri o professioni che spesso i nostri giovani scartano perché ritengono faticose o poco dignitose.

INTEGRARE. 
Questo verbo per noi è ambivalente. Per una parte della nostra città, integrare vuol dire che questi nostri fratelli devono adeguarsi ai nostri usi sia sociali sia religiosi; per l’altra parte significa spingere questi fratelli a far proprie le battaglie sociali e politiche che non sono loro. L’arricchimento reciproco di cui parla il Papa, per poter attuare un’integrazione vera, deve allora metterci in atteggiamento di ascolto, le nostre comunità cristiane devono superare la paura del diverso, del nuovo.
Pensate a quante persone che arrivano da noi e, pur essendo cristiane, non possono soddisfare la loro esigenza di vivere la fede in una comunità e non solo in modo personale. Questo fa paura a noi che la vita la viviamo in compartimenti stagni, di solito fede e parte spirituale per noi non hanno nulla da vedere con il resto della nostra vita. 
Se avessimo il coraggio di un’accoglienza vera, aiuteremmo la città a non avere paura di chi chiamiamo diverso, riusciremmo a instaurare un dialogo sincero e produttivo anche con chi pratica una fede diversa dalla nostra
, e riusciremmo a capire che l’interazione può esserci nella misura in cui il sentimento di fiducia diventa prioritario all’interno della nostra Chiesa e della nostra città. Fiducia soprattutto nei fratelli e nelle sorelle che vivono con noi e che sono a tutti gli effetti - anche se diversi di pelle o di cultura - figli di Dio».

(Testo tratto da: www.settimanalediocesidicomo.it)

 

 

 

Roberto Bernasconi, direttore della Caritas diocesana di Como
 
VICARIATI E PARROCCHIE
  • LA CARTA DELLA DIOCESI
    >>> Vai     
 
INFORMAZIONE Newsletter, Pagina Caritas, Informa Caritas, In Caritas e tanto altro!  
CALENDARIO
Calendario Appuntamenti
NOTIZIE FLASH
Valmalenco, quattro incontri a marzo con la Caritas La comunità pastorale della Valmalenco ha organizzato quattro incontri con la Caritas dal titolo: “In ascolto di Gesù, Buon Samaritano dell’umanità”. Primo appuntamento lunedì 18 marzo a Caspoggio...
Proposte Giovani: con la Caritas nei campi per migranti in Serbia Di ritorno dalla rotta balcanica e dalla recente visita ai campi profughi in Bosnia e Serbia, la Caritas di Como vuole proporre ai giovani interessati una esperienza estiva di volontariato a favore degli ospiti dei campi...
Rebbio: parte il progetto per una comunità per minori Una fondazione svizzera regala alla comunità di Rebbio una casa per i minori. Il progetto vede la collaborazione tra la parrocchia di San Martino, la Cooperativa Symploké e la Fondazione elvetica “Main dans la main”...
Il nuovo servizio Whatsapp della Caritas diocesana La Caritas diocesana di Como ha organizzato un nuovo servizio Whatsapp per permettere a tutte le persone interessate di essere aggiornate costantemente sulle varie attività. Come iscriversi...
Symploké, lettera al direttore del “Settimanale” Ecco la “Lettera al direttore”, pubblicata sul numero del 7 marzo 2019 de “il Settimanale della diocesi di Como”, che contiene riflessioni del presidente della Cooperativa sociale Symploké, Stefano Sosio...
Nuovo InformaCaritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stato pubblicato sul numero del 28 febbraio 2019 de “il Settimanale della Diocesi di Como” il nuovo InformaCaritas...
Caritas Como-Ticino: il volontariato lungo il confine Le Diocesi di Como e Lugano hanno invitato la cittadinanza a partecipare, domenica 24 febbraio 2019 a Como, al pomeriggio di approfondimento dal titolo “La solidarietà attraversa i confini - Storie di volontariato fra Como e Ticino”. Il report sul "Settimanale"...
“Scarp de’ tenis”, da 25 anni l’Italia vista dalla strada Ha vinto recentemente il premio giornalistico “Buone Notizie” 2019 e da 25 anni è distribuita sul territorio nazionale e anche a Como e provincia. Stiamo parlando di “Scarp de’ tenis”, la rivista mensile che è anche occasione di lavoro per chi vive ai margini...
Oliviero Forti a Como: «Vogliamo la verità o la nostra bugia preferita?» Lo scorso 9 gennaio, Oliviero Forti, responsabile dell’Area Internazionale di Caritas Italiana, ha presentato a Como il XXVII Rapporto sulle migrazioni di Caritas-Migrantes...
“Minori migranti, maggiori rischi”, dossier Caritas italiana Ogni giorno 44,4 persone sono obbligate a lasciare le proprie case. I minori sotto i 18 anni di età costituiscono circa la metà della popolazione rifugiata (circa 30 milioni). Pubblicato nuovo dossier di Caritas italiana...
Corridoi umanitari: famiglia irachena da Mosul a Como grazie a Caritas Arrivano dalla Piana di Ninive, da quelle terre che sono state culla del patrimonio culturale mondiale e casa dei Patriarchi, le cui vicissitudini leggiamo nell’Antico Testamento. Sono Hanna, Wasan e Mereya: papà, mamma e figlia...
Symploké: i frutti del progetto scouting lavoro Costruire integrazione partendo dal lavoro: è questo il senso del "virtuoso" progetto della Cooperativa Symploké che ha attuato nel corso del tempo percorsi di scouting aziendale per le persone accolte nelle sue strutture...
“Il peso delle armi": 
il sesto Rapporto sui conflitti dimenticati È stata presentata a Roma, nel 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, la sesta edizione del rapporto di Caritas Italiana sui conflitti dimenticati. Nel 2017 i conflitti nel mondo sono stati 378; di questi, sono 20 le guerre ad elevata intensità...
Torna in parrocchia Scarp de’ tenis, il mensile della strada Da alcuni anni la rivista “Scarp de’ tenis” è distribuita anche nella diocesi di Como grazie alla collaborazione della Caritas diocesana e al lavoro - attualmente - di due venditori...
Uggiate Trevano, il CdA compie 20 anni Il Centro di Ascolto di Uggiate Trevano ha tagliato il traguardo dei vent’anni di attività. Un servizio portato avanti dall’impegno gratuito, silenzioso e costante di tanti volontari
. Un servizio prezioso e gratuito, nato
 su impulso 
delle comunità parrocchiali della zona, per andare incontro alle tante fragilità del territorio...
CdA Cuveglio: presentata la Relazione sociale 2017 Il Centro di Ascolto "Isa Meardi" di Cuveglio (VA) ha presentato in questi giorni la propria Relazione sociale 2017 con l'intento di comunicare e condividere il lavoro svolto dal gruppo dei volontari impegnati "al servizio della Carità"...
Parrocchia di S.Orsola a Como, i corsi di italiano per stranieri Nei giorni scorsi si è aperto il nuovo anno di corsi della scuola di italiano per stranieri. I locali sono quelli della parrocchia di Como-Sant’Orsola, ma ne esistono due gemmazioni: una a Rebbio, sempre presso la parrocchia, l’altra a Cernobbio...
Il Centro Diurno “L’Incontro” di Como festeggia 10 anni Su “il Settimanale della Diocesi di Como” del 25 ottobre 2018 è pubblicata una interessante pagina in occasione della ricorrenza dei 10 anni di fondazione del Centro Diurno “L’Incontro” della Caritas diocesana di Como...
Il dormitorio dei Comboniani di Rebbio cerca volontari Il dormitorio per senza dimora attivo presso i Comboniani di Rebbio cerca nuovi volontari. A lanciare l’appello tramite “il Settimanale della Diocesi di Como”, è il referente di Porta Aperta, Giuseppe Menafra...
Nuova pagina Caritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stata pubblicata sul numero de “il Settimanale della Diocesi di Como" del 4 ottobre 2018 la nuova pagina Caritas...
Symploké: i toccanti racconti di Joshua ed Emmanuel Sul sito della Cooperativa sociale Symploké (www.symplokecoop.it) sono state pubblicate il 3 agosto scorso due toccanti storie di accoglienza sul nostro territorio...
Progetto CASA contro l'emergenza abitativa Sul "Settimanale" del 12 luglio è stata pubblicata una interessante pagina, a cura della giornalista Enrica Lattanzi, che fa il punto sul progetto C.A.S.A. (Comunità Aperta Solidale Accogliente) della Caritas diocesana di Como...
A Como il Negozio dell'Usato solidale: i nuovi orari Continua la sua attività a Como, in via Morazzone 17 (150 metri da via Milano), il “Negozio dell’Usato Solidale”, nato grazie all’impegno della Cooperativa “Si può fare” e altre realtà della città. I nuovi orari di apertura...
"Si può fare", nuovo negozio a Olgiate Comasco “Si Può Fare”, la Cooperativa voluta dalla Caritas diocesana e dall’associazione Ozanam per offrire opportunità lavorative a persone in difficoltà, amplia la sua attività con un nuovo negozio a Olgiate Comasco...
"Favole in viaggio. Venti storie migranti", il libro di Symploké La Cooperativa sociale Symploké ha da poco messo a punto un interessante progetto: la pubblicazione di "Favole in viaggio. Venti storie migranti". Stefano Sosio, operatore di Symploké e responsabile del progetto, ci illustra nei dettagli come è nato questo interessante libro...
Collane e bracciali solidali per il Brasile Un'iniziativa particolare a sostegno del progetto internazionale di Caritas dedicato al Brasile: la “vendita” a offerta minima di bellissime collane e braccialetti realizzati a mano dalle donne di San Paolo...
Nuovi documenti pubblicati da Caritas Italiana Numerosi nuovi dossier sulle situazioni di crisi internazionali sono leggibili e scaricabili nella sezione "Area promozione umana" del nostro sito alla pagina "Immigrazione"...
News precedente      News successiva
FONDAZIONE CARITAS
La Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio OnlusLa Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio Onlus si propone di provvedere nel territorio della Diocesi di Como, ed in particolare con l’Ordinario diocesano e l’ufficio Caritas, allo svolgimento di attività nel settore dell’assistenza sociale e precisamente alla promozione, al sostegno e alla gestione di iniziative e servizi a carattere caritativo-assistenziali
 
>>> Apri     
 

 
  

Usiamo i cookie - anche di terze parti - per consentirti un migliore utilizzo del nostro sito web. Per maggiori informazioni sui cookie, consulta la Informativa Estesa sui cookie.
Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

LEGGI INFORMATIVA         HO CAPITO, CHIUDI