Skip Navigation LinksCaritasComo.it > Primo Piano > Editoriali > Archivio Editoriali > Editoriale dall'archivio storico

EDITORIALE

20 marzo 2018

Non deleghiamo ad altri il nostro carisma

Caritas sente la necessità di condividere il suo cammino e la sua esperienza di vicinanza alle persone in difficoltà con tutta la Comunità ecclesiale.

 

La tredicesima Assemblea Caritas diocesana di Como, che ha avuto per titolo “Testimoni e annunciatori della misericordia di Dio: vedrai che bello!”, quest’anno è stata organizzata a Morbegno il 17 marzo scorso. 
È stato un momento di particolare importanza, l'occasione per fare il punto sul cammino fatto finora dalla Caritas in Diocesi e definire, in prospettiva, come orientare pensiero e azione per una rinnovata animazione della carità sull’intero territorio diocesano.

Questo appuntamento, inoltre, ha assunto una particolare rilevanza anche perché si è svolto dopo esattamente tre anni dall’ultima Assemblea Caritas - che si è tenuta a Nuova Olonio il 14 febbraio 2015 - e per l’importante presenza del vescovo Oscar, al suo primo appuntamento assembleare da quando è Pastore della Chiesa comense.

Sotto pubblichiamo integralmete l'intervento del direttore della Caritas diocesana, Roberto Bernasconi, che ha aperto i lavori della giornata.


«Arriviamo a questa Assemblea in un momento particolare della nostra società, ma anche della nostra Chiesa,  che stanno vivendo con affanno i cambiamenti in atto, cambiamenti dovuti sia a fattori interni del nostro Paese, crisi sociale e politica, crisi economica, sia a fattori esterni (vedi per esempio tutto il fenomeno migratorio).

Di fronte a questi mutamenti, che ci spaventano soprattutto perché hanno bisogno di essere capiti, riusciamo in questo momento a compiere un’analisi solo parziale e non unitaria. Questo succede soprattutto per l'incapacità che abbiamo di confrontarci in modo ampio su queste tematiche e questo modo di procedere penalizza anche la nostra Comunità diocesana, che fatica ad avere una visione globale di questi fenomeni sul suo territorio, visione che è possibile solo se si ha il coraggio di lavorare assieme, innanzitutto per capire e accettare le sfide che la società attuale ci propone, con la convinzione che anche noi abbiamo il dovere di contribuire a vivere bene questo cambiamento.

Questa fatica ad affrontare cambiamenti sta evidenziando la divisione della nostra Comunità diocesana in due linee di pensiero e quindi di azione: una privilegia la dimensione spirituale come punto centrale della vita della comunità – ricerchiamo la verità privilegiando un cammino formativo sulla Parola e un cammino liturgico – l'altra indica come priorità per vivere un cammino di Chiesa la preminenza della dimensione sociale.

Di fronte a questo quadro, Caritas in questi anni sta maturando la scelta di testimoniare e di vivere il servizio della carità cercando di fare sintesi tra queste due visioni; innanzitutto riconoscendo e affrontando questi cambiamenti e cercando poi di vivere la sua testimonianza sia nel contesto ecclesiale sia in quello civile.

Vi assicuro che questo percorso - e credo che lo sappiate - è difficile, ma stimolante nello stesso tempo e ci sta aiutando a riconoscerci sempre più come strumento pastorale a disposizione della Chiesa diocesana.

Caritas sente la necessità di condividere il suo cammino e la sua esperienza di vicinanza alle persone in difficoltà con tutta la Comunità ecclesiale per dare un contributo attivo, affinché si possa costruire questa sintesi tra Chiesa orante, Chiesa che celebra e Chiesa che testimonia nel mondo attraverso la vicinanza a chi ha bisogno, anche attraverso un servizio concreto che possa aiutare a far riscoprire alle nostre comunità che l'amore di Dio non è riservato a pochi eletti, ma è per tutta l'umanità.

In questi anni difficili, in cui accanto alle povertà tradizionali si sono aggiunte le nuove povertà legate alla crisi economica e alle tante persone che da diverse parti del mondo stanno arrivando da noi in cerca di possibilità di vita, abbiamo privilegiato l'ascolto e la vicinanza con tutte queste persone. Questo ci ha permesso di acquisire accanto alla possibilità di vivere in prima persona i drammi di tanti, di troppi, una grossa ricchezza di esperienze di vita.

Quasi sempre questi volti che incrociamo, queste vite che incontriamo sono difficili e drammatiche, ma sicuramente sono importanti per noi, perché riportano al centro del nostro agire, del nostro programmare l'umanità contemporanea vera, libera da maschere o da paludamenti.

Questo ascolto e vicinanza diretta e sincera ci permette di consegnare queste vite così come sono alle nostre comunità parrocchiali, perché possano diventare patrimonio comune e occasione per le nostre parrocchie di sperimentarsi nella dimensione di servizio.

Ed è missione delle nostre parrocchie far proprio il tesoro che questa umanità sofferente ci consegna, è  il carburante che permetterà di intraprendere un cammino di fede che avrà al centro gli ultimi come primi destinatari del messaggio di salvezza che Cristo, venuto in mezzo a noi Povero ed emarginato, ci consegna.

Proprio per questo noi vogliamo invitarvi a vivere quest’Assemblea soprattutto come tappa di un percorso che Caritas ha cercato di proporre e di vivere in questi anni con la volontà di essere testimone e attuatore del cammino della Chiesa post-conciliare, cammino che ci ha aiutato a sperimentare la bellezza di essere Chiesa ministeriale e corresponsabile, Chiesa che si sente proiettata nel cammino della storia degli uomini e delle donne del nostro tempo.

Se mi permettete ricordo almeno l'ultima parte di questo cammino che in questi anni di lavoro e di vicinanza alle persone abbiamo cercato di vivere e di come questo percorso ci ha aiutato a riscoprire il ruolo che compete a Caritas diocesana all'interno della Chiesa, ma anche della nostra società.

Mi sembra utile allora ricordare i temi su cui abbiamo lavorato nelle due ultime assemblee: nell’undicesima Assemblea abbiamo riflettuto sul rapporto Caritas con altri Uffici di pastorale, Uffici che seguono le diverse stagioni della vita dell'uomo.

Il tema era “La Caritas serve... se serve” e abbiamo capito come, pur nello specifico di ogni Ufficio, nell’operare di ciascuno serva essere fedeli ad un progetto comune di Chiesa, ma sia altrettanto importante  essere fedeli ad un progetto di uomo globale. Ci è stato utile in questo percorso riscoprire e cercare di rendere concreto il richiamo sulle cinque piste di riflessione dei vari ambiti di vita, che ci ha consegnato il  Convegno ecclesiale di Verona: Affettività, Lavoro e Festa, Fragilità, Tradizione.

Nella dodicesima abbiamo fatto una riflessione sulla "parrocchia in carità", parrocchia che non può esimersi dal vivere accanto alla dimensione liturgica e quella della catechesi, la dimensione così importante che per un cristiano è rendere concreta e visibile la virtù teologale della carità.

Carità non proclamata, ma vissuta, che non può essere delegata a nessuno, sia persone che gruppi specializzati, ma deve diventare per una comunità atteggiamento di vita, deve essere strumento attraverso il quale rendiamo concreto e visibile il progetto di Dio sugli  uomini.

Oggi siamo qui per dare concretezza alla continuità di questo cammino e questa concretezza ci vede impegnati a sviluppare due temi importanti, quello della centralità dell'uomo, che deve essere sempre al centro delle nostre azioni, e quello della centralità della comunità, che deve diventare sempre più protagonista di un cammino di dono aperto verso tutti gli uomini e le donne del nostro tempo, senza distinzione di ceto, di razza, di professione religiosa.

Parto anche qui, usando il metodo Caritas, da una analisi storica. I cambiamenti che in modo repentino ed inaspettato hanno sconvolto il nostro territorio in questi ultimi anni ci hanno fatto segnare il passo e ci hanno costretto a riflettere innanzitutto sulle nostre comunità e sul loro stato di salute.

Ci presentano due facce della medaglia, la prima è quella che vede tutte le parrocchie, pur in modalità diverse, protagoniste di azioni di carità ad ampio raggio. Ormai di fronte a bisogni primari – cibo, vestiti… - ci si rivolge in parrocchia e la maggioranza delle parrocchie si sono attrezzate per questo servizio.

La seconda è che pur reagendo in modo positivo a queste sollecitazioni nel suo complesso abbiamo una  Comunità diocesana in affanno, una Comunità che rischia di diventare come un supermercato, pronta ad elargire dei servizi di alta qualità, ma nello stesso tempo una Comunità che sta perdendo la sua caratteristica principale, quella di trasmettere attraverso le azioni di carità il messaggio salvifico di Cristo.

Perdendo la caratteristica dell'annuncio non riusciamo più ad essere una Comunità in sintonia con la gente perché rischiamo di non comunicare più niente, ma solo di distribuire, e di conseguenza ci diventa difficile renderci conto e scoprire le povertà più profonde che sono presenti sul nostro territorio diocesano. Conosciamo e affrontiamo solo le più evidenti. Credo sia venuto il momento non tanto di contarci e di dire quante parrocchie si sono dotate di Caritas parrocchiali, ma di focalizzare il nostro agire, il nostro approfondire, sullo stile e sulla missione della Caritas: accogliere, conoscere e condividere, agire.

Uno dei limiti e delle povertà che noi Comunità cristiana viviamo in questo tempo, ma che sono frutto di una visione di Chiesa che è difficile da sradicare dal nostro territorio, è quello della frammentarietà, vorrei ricordare che già il vescovo Ferraroni aveva paragonato il territorio della nostra Diocesi ad un arcipelago!

Caritas vorrebbe ripartire dall’Assemblea che oggi stiamo celebrando per dare un contributo attivo, che permetta alla nostra Chiesa di superare questo modo di pensare e di agire.

Abbiamo bisogno, pur nelle diversità territoriali, di ritrovare un percorso che ci porti alla unità di intenti, per questo i nostri sforzi in questo  momento non sono indirizzati ad ampliare servizi o gruppi di Caritas parrocchiali, non servirebbe a niente, amplificheremmo solo dei servizi di distribuzione che sono già sufficienti.

Vorremmo invece aiutare a far riscoprire alle nostre Comunità lo stile caritativo che dovrebbe caratterizzare ogni comunità parrocchiale, pur inserita in un contesto ambientale diverso l’uno dall’altro.

Siamo convinti che questo aiuto che diamo alle parrocchie perché riscoprano  al loro interno anche questa potenzialità caritativa sia un ruolo fondamentale della Caritas diocesana, che non è uno strumento operativo che sovrintende o si sostituisce alle comunità, ma semplicemente è uno strumento diocesano al loro servizio e come strumento va usato. L'esperienza di diocesanità che Caritas esprime può servire ad esempio a riscoprire una unità di intenti pur nella diversità delle situazioni locali.

Lo stile che proponiamo è quello della misericordia, la misericordia che Dio usa nei nostri confronti e che noi dobbiamo essere capaci di vivere e testimoniare.

Misericordia che va vissuta con uno spirito di gioia, quella vera che ti è data dalla consapevolezza che tu stai operando non per te stesso, ma a favore di fratelli e sorelle che a te si affidano, certi che il tuo aiuto è disinteressato perché tu sei solo strumento di un progetto di vita che ti è stato affidato; il tuo compito principale è quello che attraverso di te venga trasmesso al mondo.

Ritengo che in questo percorso di vita le dimensioni della gioia della fratellanza siano fondamentali, senza di queste non sarebbe proponibile.

Proprio per questo serve una seria verifica nei nostri gruppi caritativi rispetto a che stile e che presenza questi vivono in comunità o all'interno dei luoghi dove operano: nelle azioni di carità sono donatori di gioia, sono donatori di speranza oppure portatori di problemi e di divisioni?

Credo che quando ci si dimentica di essere strumento, anche se operiamo con efficienza massima – e io sono sicuro che questa efficienza è patrimonio comune, tanto che spesso facciamo concorrenza ai servizi sociali o ai patronati – perdiamo di efficacia, ma soprattutto diventiamo motivo di divisione e non di unità, perdiamo la caratteristica dell'essere misericordiosi.

Mi permetto allora un suggerimento per rendere concreta e visibile questa misericordia: dobbiamo innanzitutto diventarne annunciatori non a parole, ma con le opere. Quanto siamo misericordiosi tra di noi, tanto la misericordia che ci caratterizza non è una nostra qualità, ma è la misericordia di Dio, che attraverso di noi si rende visibile.

Questa misericordia di cui siamo testimoni e annunciatori richiede da noi capacità di ascolto e capacità di accompagnamento, che dobbiamo spendere come tesoro prezioso che abbiamo ricevuto e che va ritornato.

Se così fossero i nostri gruppi caritativi, pensate che strumento formidabile di testimonianza sarebbero nei  cammini formativi, soprattutto degli adulti.
Che forza rinnovata potremmo trarne se nelle nostre liturgie e nei momenti di preghiera affidassimo alla misericordia di Dio questa parte importante della nostra vita perché diventi veramente offerta a Lui.

Un obiettivo ultimo che mi sento di ricordare è la presa di coscienza che dovremmo avere del cammino di rinnovamento che la nostra Chiesa diocesana sta intraprendendo attraverso la celebrazione del Sinodo. Crediamoci fino in fondo, non deleghiamo un'altra volta alle persone che sono impegnate nella preparazione di questo evento il compito di organizzarlo, ma il nostro agire nella quotidianità facciamo in modo che possa diventare strumento del Sinodo diocesano, perché veramente sia strumento di riforma e di rinascita della nostra Chiesa diocesana».

 

Roberto Bernasconi, direttore della Caritas diocesana di Como
 
VICARIATI E PARROCCHIE
  • LA CARTA DELLA DIOCESI
    >>> Vai     
 
INFORMAZIONE Newsletter, Pagina Caritas, Informa Caritas, In Caritas e tanto altro!  
CALENDARIO
Calendario Appuntamenti
NOTIZIE FLASH
Don Renzo Beretta, 20 anni di profezia «Un prete “di frontiera”, che lavorava con il Vangelo in mano». Era don Renzo Beretta, il parroco di Ponte Chiasso del quale, domenica 20 gennaio, ricorre il ventesimo anniversario della tragica morte. Una settimana di iniziative e la messa con il vescovo Oscar...
Sussidi per il mese della pace 2019 in famiglia e nei vicariati La Diocesi di Como propone ai vicari foranei, ai Consigli vicariali e a tutte le comunità diocesane due sussidi per aiutare la riflessione e la preghiera nel prossimo mese di gennaio, Mese della Pace...
“Un nuovo linguaggio per le migrazioni”: incontro il 9 gennaio 2019 “Un nuovo linguaggio per le migrazioni”: è questo il titolo dell’incontro di mercoledì 9 gennaio, alle 20.30, all’Auditorium Don Guanella di via T. Grossi 18 a Como. Ospite d'eccezione: Oliviero Forti di Caritas Italiana...
2018: bilancio attività di Caritas italiana Il 2018 che si sta per concludere è stato per Caritas Italiana un altro
 anno di impegno su più versanti. Maggiori informazioni su www.caritas.it...
“Minori migranti, maggiori rischi”, dossier Caritas italiana Ogni giorno 44,4 persone sono obbligate a lasciare le proprie case. I minori sotto i 18 anni di età costituiscono circa la metà della popolazione rifugiata (circa 30 milioni). Pubblicato nuovo dossier di Caritas italiana...
Corridoi umanitari: famiglia irachena da Mosul a Como grazie a Caritas Arrivano dalla Piana di Ninive, da quelle terre che sono state culla del patrimonio culturale mondiale e casa dei Patriarchi, le cui vicissitudini leggiamo nell’Antico Testamento. Sono Hanna, Wasan e Mereya: papà, mamma e figlia...
Symploké: i frutti del progetto scouting lavoro Costruire integrazione partendo dal lavoro: è questo il senso del "virtuoso" progetto della Cooperativa Symploké che ha attuato nel corso del tempo percorsi di scouting aziendale per le persone accolte nelle sue strutture...
“Il peso delle armi": 
il sesto Rapporto sui conflitti dimenticati È stata presentata a Roma, nel 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, la sesta edizione del rapporto di Caritas Italiana sui conflitti dimenticati. Nel 2017 i conflitti nel mondo sono stati 378; di questi, sono 20 le guerre ad elevata intensità...
Torna in parrocchia Scarp de’ tenis, il mensile della strada Da alcuni anni la rivista “Scarp de’ tenis” è distribuita anche nella diocesi di Como grazie alla collaborazione della Caritas diocesana e al lavoro - attualmente - di due venditori...
Uggiate Trevano, il CdA compie 20 anni Il Centro di Ascolto di Uggiate Trevano ha tagliato il traguardo dei vent’anni di attività. Un servizio portato avanti dall’impegno gratuito, silenzioso e costante di tanti volontari
. Un servizio prezioso e gratuito, nato
 su impulso 
delle comunità parrocchiali della zona, per andare incontro alle tante fragilità del territorio...
“Emergenza Freddo”: nuovo tendone al Centro Cardinal Ferrari di Como Nel cortile del Centro Pastorale Cardinal Ferrari di Como gli operai hanno predisposto la tensostruttura, messa a disposizione della Caritas diocesana, per aumentare il numero di posti di “Emergenza Freddo”, il servizio di accoglienza invernale per senza dimora...
CdA Cuveglio: presentata la Relazione sociale 2017 Il Centro di Ascolto "Isa Meardi" di Cuveglio (VA) ha presentato in questi giorni la propria Relazione sociale 2017 con l'intento di comunicare e condividere il lavoro svolto dal gruppo dei volontari impegnati "al servizio della Carità"...
Nuovo InformaCaritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stato pubblicato sul numero dell'8 novembre 2018 de “il Settimanale della Diocesi di Como” il nuovo InformaCaritas...
Parrocchia di S.Orsola a Como, i corsi di italiano per stranieri Nei giorni scorsi si è aperto il nuovo anno di corsi della scuola di italiano per stranieri. I locali sono quelli della parrocchia di Como-Sant’Orsola, ma ne esistono due gemmazioni: una a Rebbio, sempre presso la parrocchia, l’altra a Cernobbio...
Il Centro Diurno “L’Incontro” di Como festeggia 10 anni Su “il Settimanale della Diocesi di Como” del 25 ottobre 2018 è pubblicata una interessante pagina in occasione della ricorrenza dei 10 anni di fondazione del Centro Diurno “L’Incontro” della Caritas diocesana di Como...
Il dormitorio dei Comboniani di Rebbio cerca volontari Il dormitorio per senza dimora attivo presso i Comboniani di Rebbio cerca nuovi volontari. A lanciare l’appello tramite “il Settimanale della Diocesi di Como”, è il referente di Porta Aperta, Giuseppe Menafra...
Nuova pagina Caritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stata pubblicata sul numero de “il Settimanale della Diocesi di Como" del 4 ottobre 2018 la nuova pagina Caritas...
Presentato a Roma il XXVII Rapporto Immigrazione L'edizione di quest'anno del XXVII Rapporto Immigrazione Caritas-Migrantes, dal titolo "Un linguaggio nuovo per le migrazioni", è incentrata sul valore e l’importanza di comunicare l’immigrazione con un linguaggio nuovo e aderente alla realtà...
Symploké: i toccanti racconti di Joshua ed Emmanuel Sul sito della Cooperativa sociale Symploké (www.symplokecoop.it) sono state pubblicate il 3 agosto scorso due toccanti storie di accoglienza sul nostro territorio...
Progetto CASA contro l'emergenza abitativa Sul "Settimanale" del 12 luglio è stata pubblicata una interessante pagina, a cura della giornalista Enrica Lattanzi, che fa il punto sul progetto C.A.S.A. (Comunità Aperta Solidale Accogliente) della Caritas diocesana di Como...
Giornata Mondiale dei Poveri: il messaggio del Papa “Un serio esame di coscienza” per capire chi sono davvero i poveri e se siamo davvero capaci di ascoltarli. A chiederlo è il Papa, nel messaggio per la seconda Giornata mondiale dei poveri, in programma il 18 novembre prossimo...
A Como il Negozio dell'Usato solidale: i nuovi orari Continua la sua attività a Como, in via Morazzone 17 (150 metri da via Milano), il “Negozio dell’Usato Solidale”, nato grazie all’impegno della Cooperativa “Si può fare” e altre realtà della città. I nuovi orari di apertura...
"Si può fare", nuovo negozio a Olgiate Comasco “Si Può Fare”, la Cooperativa voluta dalla Caritas diocesana e dall’associazione Ozanam per offrire opportunità lavorative a persone in difficoltà, amplia la sua attività con un nuovo negozio a Olgiate Comasco...
"Favole in viaggio. Venti storie migranti", il libro di Symploké La Cooperativa sociale Symploké ha da poco messo a punto un interessante progetto: la pubblicazione di "Favole in viaggio. Venti storie migranti". Stefano Sosio, operatore di Symploké e responsabile del progetto, ci illustra nei dettagli come è nato questo interessante libro...
Collane e bracciali solidali per il Brasile Un'iniziativa particolare a sostegno del progetto internazionale di Caritas dedicato al Brasile: la “vendita” a offerta minima di bellissime collane e braccialetti realizzati a mano dalle donne di San Paolo...
Nuovi documenti pubblicati da Caritas Italiana Numerosi nuovi dossier sulle situazioni di crisi internazionali sono leggibili e scaricabili nella sezione "Area promozione umana" del nostro sito alla pagina "Immigrazione"...
News precedente      News successiva
FONDAZIONE CARITAS
La Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio OnlusLa Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio Onlus si propone di provvedere nel territorio della Diocesi di Como, ed in particolare con l’Ordinario diocesano e l’ufficio Caritas, allo svolgimento di attività nel settore dell’assistenza sociale e precisamente alla promozione, al sostegno e alla gestione di iniziative e servizi a carattere caritativo-assistenziali
 
>>> Apri     
 

 
  

Usiamo i cookie - anche di terze parti - per consentirti un migliore utilizzo del nostro sito web. Per maggiori informazioni sui cookie, consulta la Informativa Estesa sui cookie.
Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

LEGGI INFORMATIVA         HO CAPITO, CHIUDI