Skip Navigation LinksCaritasComo.it > Primo Piano > Archivio delle Notizie flash > Notizie Flash

Notizie Flash

31 luglio 2018

Con la Caritas di Como lungo la Balkan Route

Sono molti i giovani della Diocesi di Como che questa estate parteciperanno ad esperienze di conoscenza o servizio in terra di missione. Proponiamo la testimonianza di Matteo Magatti tra i profughi bloccati in Serbia, pubblicata sul "Settimanale"...

 

Tratto da un articolo pubblicato sul sito de “il Settimanale della Diocesi di Como” del 31 luglio 2018 (www.settimanalediocesidicomo.it). Altri articoli sull’argomento sono pubblicati sullo stesso sito.

 

Sono molti i giovani della Diocesi di Como che questa estate parteciperanno ad esperienze di conoscenza o servizio in terra di missione. Vi proponiamo la testimonianza di Matteo Magatti che, tramite la Caritas diocesana di Como, ha vissuto un periodo di servizio nel campo profughi di Bogovadja in Serbia, lungo la Balkan Route. Qui dal settembre 2017 è attivo un “Social café” ovvero un punto di incontro e socializzazione per gli ospiti del centro – molti dei quali minori – realizzato da Ipsia (ong delle Acli), Caritas italiana, Caritas ambrosiana e Caritas Valjevo.

 

«Il campo è come un magnete. Ti tiene sempre incatenato a sé. Per un po’ va bene ma poi diventa troppo. Io sono qui da nove mesi. Alcuni da un anno e mezzo, due anni. Sono impazziti. Io provo ad andarmene ma poi il magnete mi riattrae sempre indietro. Spero un giorno di voltargli finalmente le spalle così che questa calamita smetta di attrarmi».

Queste sono le parole sincere e dirette di N. (15 anni, Afghanistan). Le condividiamo sul pullmino che ci porta alla fermata del bus per Belgrado. Noi andremo a passare il weekend nella capitale serba, N. e tutti gli altri volti incontrati no, non possono. Un weekend fuoriporta, una nuova città europea da visitare, una cosa tanto banale quanto scontata per noi, abituati a prendere l’aereo e viaggiare in giro per l’Europa e per il mondo in totale libertà. Ci è sempre piaciuta tanto questa libertà. Adesso, invece, ne sentiamo tutto il peso.

Sabato rientreremo a casa, nelle nostre città. Quante persone che vivono nel campo vorrebbero salire sul nostro aereo e venire in Italia… Eppure, non hanno questa possibilità, questa libertà. La forza magnetica del campo è troppo forte. Se sei un profugo, l’unica possibilità che hai è rischiare ed andare al game sul confine. È un gioco: qualcuno vince, qualcuno perde. Tu speri di essere tra i più unici che rari, riuscire a varcare quella frontiera e vincere. Un gioco pericoloso, che mette a rischio la tua vita con un’altissima percentuale di “sconfitta”.

Ne sei consapevole perché ci hai già provato quattro, cinque, infinite volte. E alla fine ritorni sempre qui, in questo posto che non è un inferno ma non è neanche un paradiso. È un limbo. Un nulla a metà fra la vita che hai lasciato nel tuo paese, fra le certezze che avevi costruito e conquistato, e un futuro di cui non sai nulla, che puoi solo immaginare nell’attesa perenne che riempie le tue giornate. Forse, non vuoi neanche pensare al domani, forse l’unica cosa che ti permette di non impazzire è concentrarti sul qui ed ora. E noi quattro veniamo qui, condividiamo due settimane con te, pianifichiamo tutto momento per momento.

Noi possiamo farlo (e forse non riusciamo a non farlo), a noi non pesa pensare al domani. Siamo arrivati nel campo di Bogovadja con bagagli carichi di idee, proposte, materiali per cercare di dare un senso a questo tempo, accoglienza a queste persone. Eppure, siamo noi ad essere stati accolti da voi. Forse non è facile accettare la nostra presenza al campo. Invece ci avete accolti. Avete ascoltato le nostre proposte, avete risposto al nostro entusiasmo lasciandoci a bocca aperta. Ci aspettavamo di essere noi a dare, accogliere, insegnare qualcosa.

In realtà, siete voi a sorprenderci e dare a noi molto di più. Ci lasciate tanto su cui riflettere: a casa inizierà la vera sfida dell’accogliere. Sarà allora che dovremo rielaborare tutte queste domande assordanti che ci stanno puntellando il cervello, che dovremo rispondere a questo senso di ingiustizia, di rancore che sta maturando in noi nello scoprire che un quindicenne che parla sette lingue non può andare a scuola perché non ci sono i soldi per pagare l’autobus, che una ragazza iraniana colta e laureata deve passare le sue giornate a giocare a pallavolo, che una famiglia con sette bambini non possiede neanche una valigia ed è costretta a trasportare le sue cose in sacchi per la spazzatura e che, ancora, un ragazzo palestinese non ha potuto mai vedere la sua terra d’origine e chissà se mai la vedrà.

L’ingiustizia è tanta da nausearci e impedirci di dormire. A tutti noi la scelta di non voltare la faccia da un’altra parte e di lasciarci trasformare dai padri, dalle madri, dai figli migranti che abbiamo incontrato: se cambiamo noi cambia anche il mondo.

Matteo, Martina, Milena, Sofia

Articolo pubblicato su un blog della Caritas Ambrosiana (leggi l’originale cliccando qui)

 

 
VICARIATI E PARROCCHIE
  • LA CARTA DELLA DIOCESI
    >>> Vai     
 
INFORMAZIONE Newsletter, Pagina Caritas, Informa Caritas, In Caritas e tanto altro!  
CALENDARIO
Calendario Appuntamenti
NOTIZIE FLASH
Porta Aperta Como: giorni di chiusura Porta Aperta di Como, il coordinamento dei servizi per la grave marginalità e le persone senza dimora di via Tatti 18, resterà chiuso nel mese di agosto per alcuni giorni, da lunedì 13 a venerdì 17...
Symploké: i toccanti racconti di Joshua ed Emmanuel Sul sito della Cooperativa sociale Symploké (www.symplokecoop.it) sono state pubblicate il 3 agosto scorso due toccanti storie di accoglienza sul nostro territorio...
Con la Caritas di Como lungo la Balkan Route Sono molti i giovani della Diocesi di Como che questa estate parteciperanno ad esperienze di conoscenza o servizio in terra di missione. Proponiamo la testimonianza di Matteo Magatti tra i profughi bloccati in Serbia, pubblicata sul "Settimanale"...
Grosio, “Pane Quotidiano”: il report finale Si è concluso il giorno 11 Giugno 2018 il percorso “Pane Quotidiano” proposto al Vicariato di Grosio e iniziato a gennaio. È possibile leggere l’intero report a cura di Monia Copes e Loris Guzzi, operatori della Caritas diocesana di Como...
Progetto CASA contro l'emergenza abitativa Sul "Settimanale" del 12 luglio è stata pubblicata una interessante pagina, a cura della giornalista Enrica Lattanzi, che fa il punto sul progetto C.A.S.A. (Comunità Aperta Solidale Accogliente) della Caritas diocesana di Como...
Sud Sudan: report del "Settimanale" “Sud Sudan: una fragile speranza di pace” è il titolo che apre la pagina de “il Settimanale della Diocesi di Como” del 5 luglio 2018, un report sull’attuale situazione del Paese africano martoriato dalla guerra. Con la testimonianza di due missionari diocesani...
Rapporto Istat: i dati sul "Settimanale" Due pagine de “il Settimanale della Diocesi di Como” del 5 luglio 2018 sono state dedicate al recentissimo rapporto Istat sulla situazione economica e sociale in Italia. In aumento povertà e disagio...
Fino Mornasco: ospiti di Symploké accolti al Grest Pubblicate sul sito della Cooperativa Symploké le testimonianze dei giovani che hanno accompagnato tre ospiti - Umaru, Samsung, Joshua - nelle attività del Grest...
Nuovo InformaCaritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stato pubblicato sul numero del 28 giugno 2018 de “il Settimanale della Diocesi di Como” il nuovo InformaCaritas...
Lettera di Gabriele Del Grande a Salvini Pubblichiamo le pagine de "il Settimanale della Diocesi di Como" che riportano la lettera personale di Gabriele Del Grande a Matteo Salvini in merito al problema dell'accoglienza migranti in Italia...
Giornata Mondiale dei Poveri: il messaggio del Papa “Un serio esame di coscienza” per capire chi sono davvero i poveri e se siamo davvero capaci di ascoltarli. A chiederlo è il Papa, nel messaggio per la seconda Giornata mondiale dei poveri, in programma il 18 novembre prossimo...
A Como il Negozio dell'Usato solidale: i nuovi orari Continua la sua attività a Como, in via Morazzone 17 (150 metri da via Milano), il “Negozio dell’Usato Solidale”, nato grazie all’impegno della Cooperativa “Si può fare” e altre realtà della città. I nuovi orari di apertura...
"Si può fare", nuovo negozio a Olgiate Comasco “Si Può Fare”, la Cooperativa voluta dalla Caritas diocesana e dall’associazione Ozanam per offrire opportunità lavorative a persone in difficoltà, amplia la sua attività con un nuovo negozio a Olgiate Comasco...
Il rapporto annuale 2017 di Caritas italiana È stato recentemente pubblicato il “Rapporto Annuale 2017-Per uno sviluppo umano integrale” di Caritas Italiana, il documento che presenta il lavoro compiuto in Italia e all’estero sui fronti delle povertà e delle emergenze...
Nuova pagina Caritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stata pubblicata sul numero de “il Settimanale della Diocesi di Como" del 24 maggio 2018 la nuova pagina Caritas...
Povertà a Como, il 17 maggio incontro con il vescovo Giovedì 17 maggio, presso la sede del Vescovado di Como, monsignor Oscar Cantoni ha incontrato sacerdoti e laici che, in città, sono impegnati
 sia nella cura pastorale delle comunità sia sul fronte dell’ascolto...
Mense cittadine: reportage sul "Settimanale" “Date il pane agli affamati", la forza del precetto evangelico si declina ogni giorno nelle mense cittadine di Como. Su "il Settimanale della Diocesi di Como" un reportage a puntate sull'argomento a cura del giornalista Marco Gatti...
"Favole in viaggio. Venti storie migranti", il libro di Symploké La Cooperativa sociale Symploké ha da poco messo a punto un interessante progetto: la pubblicazione di "Favole in viaggio. Venti storie migranti". Stefano Sosio, operatore di Symploké e responsabile del progetto, ci illustra nei dettagli come è nato questo interessante libro...
Collane e bracciali solidali per il Brasile Un'iniziativa particolare a sostegno del progetto internazionale di Caritas dedicato al Brasile: la “vendita” a offerta minima di bellissime collane e braccialetti realizzati a mano dalle donne di San Paolo...
Symploké, è online il nuovo sito della Cooperativa È online il nuovo sito di Symploké, la cooperativa sociale nata da Caritas diocesana di Como per gestire l’operatività e le strategie dell’accoglienza di richiedenti asilo nella provincia di Como...
Il nuovo ComoCaritas sui servizi in città di Como È stato pubblicato il nuovo ComoCaritas. Questo numero è dedicato ai servizi Caritas operanti in città di Como per i quali si cercano nuovi volontari...
Nuovi documenti pubblicati da Caritas Italiana Numerosi nuovi dossier sulle situazioni di crisi internazionali sono leggibili e scaricabili nella sezione "Area promozione umana" del nostro sito alla pagina "Immigrazione"...
News precedente      News successiva
FONDAZIONE CARITAS
La Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio OnlusLa Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio Onlus si propone di provvedere nel territorio della Diocesi di Como, ed in particolare con l’Ordinario diocesano e l’ufficio Caritas, allo svolgimento di attività nel settore dell’assistenza sociale e precisamente alla promozione, al sostegno e alla gestione di iniziative e servizi a carattere caritativo-assistenziali
 
>>> Apri     
 

 
  

Usiamo i cookie - anche di terze parti - per consentirti un migliore utilizzo del nostro sito web. Per maggiori informazioni sui cookie, consulta la Informativa Estesa sui cookie.
Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

LEGGI INFORMATIVA         HO CAPITO, CHIUDI