Skip Navigation LinksCaritasComo.it > Primo Piano > Archivio delle Notizie flash > Notizie Flash

Notizie Flash

1 gennaio 2019

Sussidi per il mese della pace 2019 in famiglia e nei vicariati

La Diocesi di Como propone ai vicari foranei, ai Consigli vicariali e a tutte le comunità diocesane due sussidi per aiutare la riflessione e la preghiera nel prossimo mese di gennaio, Mese della Pace...

 

La Diocesi di Como propone ai vicari foranei, ai Consigli vicariali e a tutte le comunità diocesane due sussidi per aiutare la riflessione e la preghiera nel prossimo mese di gennaio, Mese della Pace.

Il primo è una semplice guida alla preghiera da utilizzare in famiglia il 1° gennaio, Festa della SS. Maternità di Maria e tradizionalmente Giornata Mondiale della Pace.

Il secondo è uno schema di veglia di preghiera (intenzionalmente proposto sotto anche in formato "Word") per essere liberamente adattato dalle comunità e da chi volesse usufruirne.

Infine, è proposta anche la “Preghiera dei fedeli” come suggerimento per la liturgia.

La proposta è stata coordinata da: Ufficio Missionario, Ufficio per la pastorale sociale, del lavoro e della salvaguardia del creato, Caritas Diocesana.

Per approfondire il testo del Messaggio del Papa dal titolo: “La buona politica è al servizio della pace”:

http://w2.vatican.va/content/francesco/it/messages/peace/documents/papa-francesco_20181208_messaggio-52giornatamondiale-pace2019.html

 

 

VEGLIA DI PREGHIERA IN FORMATO "WORD"

 

Veglia di preghiera per la pace

Giornata Mondiale della Pace

«La buona politica è al servizio della pace»

Papa Francesco

Introduzione:

La responsabilità politica appartiene ad ogni cittadino, e in particolare a chi ha ricevuto il mandato di proteggere e governare. Questa missione consiste nel salvaguardare il diritto e nell’incoraggiare il dialogo tra gli attori della società, tra le generazioni e tra le culture. Non c’è pace senza fiducia reciproca. E la fiducia ha come prima condizione il rispetto della parola data. L’impegno politico – che è una delle più alte espressioni della carità – porta la preoccupazione per il futuro della vita e del pianeta, dei più giovani e dei più piccoli, nella loro sete di compimento.

Quando l’uomo è rispettato nei suoi diritti – come ricordava San Giovanni XXIII nell’Enciclica Pacem in terris(1963) – germoglia in lui il senso del dovere di rispettare i diritti degli altri. I diritti e i doveri dell’uomo accrescono la coscienza di appartenere a una stessa comunità, con gli altri e con Dio (cfr ivi, 45). Siamo pertanto chiamati a portare e ad annunciare la pace come la buona notizia di un futuro dove ogni vivente verrà considerato nella sua dignità e nei suoi diritti.

(Dal messaggio per la GMP 2019)

Canto iniziale

Salmo di condivisione 

Ascolterò che cosa dice Dio, il Signore: egli annunzia la pace per il suo popolo, per i suoi fedeli, per chi ritorna a lui con tutto il cuore.

La sua salvezza è vicina a chi lo teme e la sua gloria abiterà la nostra terra. Misericordia

E verità s’incontreranno, giustizia e pace si baceranno.

La verità germoglierà dalla terra e la giustizia si affaccerà dal cielo. Quando il Signore elargirà il suo bene, la nostra terre darà il suo frutto. Davanti a lui camminerà la giustizia e sulla via dei suoi passi la salvezza.    (Salmo 85)

Approfondimento

«Facendo il vescovo, vado maturando la convinzione che il problema più grande che si impone alla Chiesa italiana è la cura della qualità della fede dei

suoi membri. Le eventuali sbavature e i limiti che talvolta si registrano per

quanto riguarda la presenza della Chiesa nella vita della nazione, derivano

da carenze e storture nell’esperienza di fede a causa, anche, di una mancata

recezione degli impulsi del Vaticano II» (Cataldo Naro)

 

«Di fronte ai problemi, sortirne da soli è avarizia, sortirne insieme è

politica» (Don Milani ai ragazzi della Scuola di Barbiana)

 

Riflessione...

(…) La politica ha, infatti, il compito di guidare e orientare il vivere sociale. Essa rappresenta un servizio importantissimo per la soluzione di tanti problemi che travagliano l’esistenza di ogni giorno, facendosi carico della loro inevitabile complessità in tempi di radicata crisi. Eppure la politica, che dovrebbe aiutare al superamento della crisi, è essa stessa oggi “in crisi”, “dentro la crisi”, “condotta dalla crisi”. L’urgenza di un’evangelizzazione della politica, affinché essa possa riscoprire il proprio prezioso ruolo e riappropriarsi delle modalità concrete e oneste del suo esercizio, è oltremodo visibile nelle grandi questioni internazionali della pace, e nelle notizie circa le sofferenze di tanti popoli oppressi, ma più localmente nelle contraddizioni tipiche dei territori umani dell’Italia e dell’Europa: le attese di fondo della gente vengono quasi sempre deluse e mai soddisfatte, mentre cresce il disorientamento dei giovani e il loro sentimento di sfiducia, che li rende fragili prede delle suggestioni devianti della droga e della mafia e, in generale, della corruzione.

(…) In quest’avventura di ridefinizione della politica come carità – Giorgio La Pira parlava della dimensione eucaristica del servizio della politica –, la fede cristiana si connota socialmente: è carità sociale, quale disposizione a servire l’uomo in piena onestà e coerenza, senza favoritismi, ma nel rispetto dei diritti di ognuno e di tutti. Ai cristiani laici è richiesto di “soffrire” per una testimonianza autentica nello spazio prezioso della politica, organizzando e donando volto alla “coscienza critica” che la fede implica. In quell’incontro a Cesena, papa Francesco ha parlato della necessità di una buona politica: «una politica che non sia né serva né padrona, ma amica e collaboratrice; non paurosa o avventata, ma responsabile e quindi coraggiosa e prudente nello stesso tempo; che faccia crescere il coinvolgimento delle persone, la loro progressiva inclusione e partecipazione; che non lasci ai margini alcune categorie, che non saccheggi e inquini le risorse naturali […] una politica che sappia armonizzare le legittime aspirazioni dei singoli e dei gruppi tenendo il timone ben saldo sull’interesse dell’intera cittadinanza». Questo è il «volto autentico della politica», la sua ragion d’essere dice il papa, essendo un «servizio inestimabile al bene dell’intera collettività. E questo è il motivo per cui la dottrina sociale della Chiesa la considera una nobile forma di carità».
Antonio Staglianò, vescovo di Noto (Sicilia)

Silenzio e riflessione personale

 

Canto

Dal Vangelo (della pace)

Matteo 25:34-40

Allora il re dirà a quelli che stanno alla sua destra: Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla fondazione del mondo. Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi. Allora i giusti gli risponderanno: Signore, quando mai ti abbiamo veduto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, assetato e ti abbiamo dato da bere? Quando ti abbiamo visto forestiero e ti abbiamo ospitato, o nudo e ti abbiamo vestito? E quando ti abbiamo visto ammalato o in carcere e siamo venuti a visitarti? Rispondendo, il re dirà loro: In verità vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me.

Quando la Politica, con la P maiuscola, agisce con la preoccupazione della realizzazione del BENE COMUNE (EG 204-208), come ci ricorda Papa Francesco, per tutti i cittadini, con particolare attenzione alle situazioni di fragilità, esclusione, povertà e marginalità, e con la volontà di un servizio che guardi all'umanità di ogni singolo individuo, con i suoi diritti e i suoi doveri, allora li si compie l'azione politica più alta.

Testimonianza (se la si vuole inserire, a cura della comunità locale).

Canto

La storia dell'umanità, da sempre è segnata dalla testimonianza e dal sacrificio di persone che hanno “donato” la vita per i valori della giustizia, della pace, delle buone prassi. Rileggere i loro nomi ha il senso di evocare testimoni credibili e coinvolti in un'azione politica a 360°, che hanno suggerito e indicato percorsi che hanno avuto lo sguardo fisso sull'orizzonte della realizzazione di un bene comune per tutti.

Preghiera in comunione con i martiri della giustizia, della pace, della fede

Dio, Padre di tutti, abbi pietà di noi che fratelli non siamo. 
Gesù, Salvatore degli oppressi, abbi pietà di noi che non ci facciamo liberare.
Spirito santo, che stai in mezzo a noi, abbi pietà di noi che non crediamo nella tua presenza.

[ad ogni invocazione si risponde: PREGATE PER NOI]

 

Mons. Oscar Arnulfo Romero, vescovo e martire dell’America Latina

Mons. Sergio Mendes Arceo, vescovo della solidarietà,

Chico Mendes, sindacalista, vittima dell'ingiustizia in Amazzonia, 

Marianela Garcìa, uccisa per il suo desiderio di pace e di giustizia 

Padre Ignacio Ellacuria, gesuita, e piccola Celina, martiri del Centroamerica,

Steve Biko, giornalista sudafricano,vittima dell'apartheid

Mohandas GandhiMartin Luther King, papa Giovanni XXIII,Albert Schwitezer, testimoni della nonviolenza,

Leone TolstojMaria Montessoridon Lorenzo Milani,Aldo Capitini, che hanno vissuto educando alla nonviolenza,

Dorothy Dayche ha creduto nel valore della pace e del dialogo,

Giorgio La PiraBertrand RusselOlaf Palme, politici nonviolenti,

Don Zeno Santinidon Primo MazzolaripadreDavid Maria Turoldo, fratel Carlo Carretto,padre Ernesto BalducciSirio Politidon Tonino Bellodon Renzo Beretta, innamorati e cantori della radicalità evangelica,

Aldo MoroVittorio BacheletEzio Tarantelli, vittime del terrorismo,

Piersanti MattarellaPio La Torre, uccisi per il loro impegno civile,

Mauro di MauroWalter TobagiGiancarlo Siani,Ilaria AlpiMiran HrovatinMarcello Palmisanoe tutti i giornalisti crocifissi per il loro amore della verità,

Ciaccio MontaltoChinniciSaetta,Livatino,Giovanni e Francesca FalconeBorsellinoTerranova, vittime della mafia per la giustizia,

Dalla ChiesaMontanaCassarà,Antiochia,Emanuela Loie tutti i carabinieri e agenti uccisi dalle mafie,

Libero Grassi, industriale, e Giordano, negoziante, che non hanno indietreggiato di fronte alla mafia,

Don Pino Puglisidon Peppe Diana, sacerdoti uccisi dalla mafia,per aver sognato un deserto trasformato in giardino,

Donnemaltrattate, violentate, uccise nelle case e in tutte le guerre,

Bambinidelle guerre dimenticate,

 

Invocazione del Magnificat

L'anima mia magnifica il Signore  *
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l'umiltà della sua serva.  *
D'ora in poi tutte le generazioni
mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente  *
e santo é il suo nome: 

di generazione in generazione la sua misericordia  *
si stende su quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio,  *
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni,  *
ha innalzato gli umili;

ha ricolmato di beni gli affamati,  *
ha rimandato i ricchi a mani vuote. 

Ha soccorso Israele, suo servo,  *
ricordandosi della sua misericordia, 

come aveva promesso ai nostri padri,  * 
ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre. 

PADRE NOSTRO e abbraccio di pace

Preghiere conclusiva

Padre della misericordia, Dio della vita, Signore della giustizia e della pace, dona a noi e a tutti i tuoi figli la capacità di ascoltare i “segni dei tempi” che Tu poni nella quotidianità, nel tempo che Tu ci doni e nella storia che soltanto, quando è costruita in comunione con Te, diventa storia di salvezza. 

Maria che oggi celebriamo nella sua maternità, generi in noi la forza per essere testimoni e costruttori dello stesso sogno di Suo Figlio: il sogno che fa di ogni uomo un essere capace di accogliere le differenze, promuovere la comunione, per l'edificazione del bene comune per tutti.

Canto finale

 

 

 
VICARIATI E PARROCCHIE
  • LA CARTA DELLA DIOCESI
    >>> Vai     
 
INFORMAZIONE Newsletter, Pagina Caritas, Informa Caritas, In Caritas e tanto altro!  
CALENDARIO
Calendario Appuntamenti
NOTIZIE FLASH
Don Renzo Beretta, 20 anni di profezia «Un prete “di frontiera”, che lavorava con il Vangelo in mano». Era don Renzo Beretta, il parroco di Ponte Chiasso del quale, domenica 20 gennaio, ricorre il ventesimo anniversario della tragica morte. Una settimana di iniziative e la messa con il vescovo Oscar...
Sussidi per il mese della pace 2019 in famiglia e nei vicariati La Diocesi di Como propone ai vicari foranei, ai Consigli vicariali e a tutte le comunità diocesane due sussidi per aiutare la riflessione e la preghiera nel prossimo mese di gennaio, Mese della Pace...
“Un nuovo linguaggio per le migrazioni”: incontro il 9 gennaio 2019 “Un nuovo linguaggio per le migrazioni”: è questo il titolo dell’incontro di mercoledì 9 gennaio, alle 20.30, all’Auditorium Don Guanella di via T. Grossi 18 a Como. Ospite d'eccezione: Oliviero Forti di Caritas Italiana...
2018: bilancio attività di Caritas italiana Il 2018 che si sta per concludere è stato per Caritas Italiana un altro
 anno di impegno su più versanti. Maggiori informazioni su www.caritas.it...
“Minori migranti, maggiori rischi”, dossier Caritas italiana Ogni giorno 44,4 persone sono obbligate a lasciare le proprie case. I minori sotto i 18 anni di età costituiscono circa la metà della popolazione rifugiata (circa 30 milioni). Pubblicato nuovo dossier di Caritas italiana...
Corridoi umanitari: famiglia irachena da Mosul a Como grazie a Caritas Arrivano dalla Piana di Ninive, da quelle terre che sono state culla del patrimonio culturale mondiale e casa dei Patriarchi, le cui vicissitudini leggiamo nell’Antico Testamento. Sono Hanna, Wasan e Mereya: papà, mamma e figlia...
Symploké: i frutti del progetto scouting lavoro Costruire integrazione partendo dal lavoro: è questo il senso del "virtuoso" progetto della Cooperativa Symploké che ha attuato nel corso del tempo percorsi di scouting aziendale per le persone accolte nelle sue strutture...
“Il peso delle armi": 
il sesto Rapporto sui conflitti dimenticati È stata presentata a Roma, nel 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, la sesta edizione del rapporto di Caritas Italiana sui conflitti dimenticati. Nel 2017 i conflitti nel mondo sono stati 378; di questi, sono 20 le guerre ad elevata intensità...
Torna in parrocchia Scarp de’ tenis, il mensile della strada Da alcuni anni la rivista “Scarp de’ tenis” è distribuita anche nella diocesi di Como grazie alla collaborazione della Caritas diocesana e al lavoro - attualmente - di due venditori...
Uggiate Trevano, il CdA compie 20 anni Il Centro di Ascolto di Uggiate Trevano ha tagliato il traguardo dei vent’anni di attività. Un servizio portato avanti dall’impegno gratuito, silenzioso e costante di tanti volontari
. Un servizio prezioso e gratuito, nato
 su impulso 
delle comunità parrocchiali della zona, per andare incontro alle tante fragilità del territorio...
“Emergenza Freddo”: nuovo tendone al Centro Cardinal Ferrari di Como Nel cortile del Centro Pastorale Cardinal Ferrari di Como gli operai hanno predisposto la tensostruttura, messa a disposizione della Caritas diocesana, per aumentare il numero di posti di “Emergenza Freddo”, il servizio di accoglienza invernale per senza dimora...
CdA Cuveglio: presentata la Relazione sociale 2017 Il Centro di Ascolto "Isa Meardi" di Cuveglio (VA) ha presentato in questi giorni la propria Relazione sociale 2017 con l'intento di comunicare e condividere il lavoro svolto dal gruppo dei volontari impegnati "al servizio della Carità"...
Nuovo InformaCaritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stato pubblicato sul numero dell'8 novembre 2018 de “il Settimanale della Diocesi di Como” il nuovo InformaCaritas...
Parrocchia di S.Orsola a Como, i corsi di italiano per stranieri Nei giorni scorsi si è aperto il nuovo anno di corsi della scuola di italiano per stranieri. I locali sono quelli della parrocchia di Como-Sant’Orsola, ma ne esistono due gemmazioni: una a Rebbio, sempre presso la parrocchia, l’altra a Cernobbio...
Il Centro Diurno “L’Incontro” di Como festeggia 10 anni Su “il Settimanale della Diocesi di Como” del 25 ottobre 2018 è pubblicata una interessante pagina in occasione della ricorrenza dei 10 anni di fondazione del Centro Diurno “L’Incontro” della Caritas diocesana di Como...
Il dormitorio dei Comboniani di Rebbio cerca volontari Il dormitorio per senza dimora attivo presso i Comboniani di Rebbio cerca nuovi volontari. A lanciare l’appello tramite “il Settimanale della Diocesi di Como”, è il referente di Porta Aperta, Giuseppe Menafra...
Nuova pagina Caritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stata pubblicata sul numero de “il Settimanale della Diocesi di Como" del 4 ottobre 2018 la nuova pagina Caritas...
Presentato a Roma il XXVII Rapporto Immigrazione L'edizione di quest'anno del XXVII Rapporto Immigrazione Caritas-Migrantes, dal titolo "Un linguaggio nuovo per le migrazioni", è incentrata sul valore e l’importanza di comunicare l’immigrazione con un linguaggio nuovo e aderente alla realtà...
Symploké: i toccanti racconti di Joshua ed Emmanuel Sul sito della Cooperativa sociale Symploké (www.symplokecoop.it) sono state pubblicate il 3 agosto scorso due toccanti storie di accoglienza sul nostro territorio...
Progetto CASA contro l'emergenza abitativa Sul "Settimanale" del 12 luglio è stata pubblicata una interessante pagina, a cura della giornalista Enrica Lattanzi, che fa il punto sul progetto C.A.S.A. (Comunità Aperta Solidale Accogliente) della Caritas diocesana di Como...
Giornata Mondiale dei Poveri: il messaggio del Papa “Un serio esame di coscienza” per capire chi sono davvero i poveri e se siamo davvero capaci di ascoltarli. A chiederlo è il Papa, nel messaggio per la seconda Giornata mondiale dei poveri, in programma il 18 novembre prossimo...
A Como il Negozio dell'Usato solidale: i nuovi orari Continua la sua attività a Como, in via Morazzone 17 (150 metri da via Milano), il “Negozio dell’Usato Solidale”, nato grazie all’impegno della Cooperativa “Si può fare” e altre realtà della città. I nuovi orari di apertura...
"Si può fare", nuovo negozio a Olgiate Comasco “Si Può Fare”, la Cooperativa voluta dalla Caritas diocesana e dall’associazione Ozanam per offrire opportunità lavorative a persone in difficoltà, amplia la sua attività con un nuovo negozio a Olgiate Comasco...
"Favole in viaggio. Venti storie migranti", il libro di Symploké La Cooperativa sociale Symploké ha da poco messo a punto un interessante progetto: la pubblicazione di "Favole in viaggio. Venti storie migranti". Stefano Sosio, operatore di Symploké e responsabile del progetto, ci illustra nei dettagli come è nato questo interessante libro...
Collane e bracciali solidali per il Brasile Un'iniziativa particolare a sostegno del progetto internazionale di Caritas dedicato al Brasile: la “vendita” a offerta minima di bellissime collane e braccialetti realizzati a mano dalle donne di San Paolo...
Nuovi documenti pubblicati da Caritas Italiana Numerosi nuovi dossier sulle situazioni di crisi internazionali sono leggibili e scaricabili nella sezione "Area promozione umana" del nostro sito alla pagina "Immigrazione"...
News precedente      News successiva
FONDAZIONE CARITAS
La Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio OnlusLa Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio Onlus si propone di provvedere nel territorio della Diocesi di Como, ed in particolare con l’Ordinario diocesano e l’ufficio Caritas, allo svolgimento di attività nel settore dell’assistenza sociale e precisamente alla promozione, al sostegno e alla gestione di iniziative e servizi a carattere caritativo-assistenziali
 
>>> Apri     
 

 
  

Usiamo i cookie - anche di terze parti - per consentirti un migliore utilizzo del nostro sito web. Per maggiori informazioni sui cookie, consulta la Informativa Estesa sui cookie.
Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

LEGGI INFORMATIVA         HO CAPITO, CHIUDI