NUOVO SITO CARITAS COMO: http://caritas.diocesidicomo.it/
Skip Navigation LinksCaritasComo.it > Primo Piano > Archivio delle Notizie flash > Notizie Flash

Notizie Flash

2 maggio 2019

La Diocesi rinnova l’accoglienza: il documento del Consiglio Caritas

Nelle ultime settimane il Vescovo Oscar con Caritas e Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio onlus si sono confrontati sul tema dei flussi migratori e dell’accoglienza. Ecco in sintesi la posizione della Diocesi e il documento del Consiglio Caritas...

 

La Diocesi rinnova l’accoglienza: il documento del Consiglio Caritas

 

Nelle ultime settimane il Vescovo Oscar con Caritas e Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio onlus si sono confrontati sul tema dei flussi migratori e dell’accoglienza, raccogliendo anche le osservazioni delle cooperative e degli enti a più stretta collaborazione. Le cause di questi flussi sono molteplici e complesse, e richiedono ancora, da parte di tutti, lo sforzo di una conoscenza dei fatti più approfondita e consapevole.

Il tessuto diocesano - declinato in decine di comunità parrocchiali, congregazioni religiose, cooperative, enti, movimenti e associazioni laicali, con il prezioso accompagnamento della Caritas diocesana - ha accolto centinaia di fratelli e sorelle, bisognosi, prima di tutto, di essere riconosciuti nella propria dignità di esseri umani. Tutto questo cercando di non lasciare mai indietro le persone con altre fragilità, sempre da ascoltare e sostenere. Una generosità e un senso di fraternità che sono di esempio e che suscitano un grazie sincero.

In questi ultimi mesi la situazione si è modificata, sia livello internazionale sia per il nuovo quadro normativo nazionale, destando particolare preoccupazione. Proseguire come prima nell’accoglienza, alle nuove condizioni, è impraticabile.

Offriamo quindi le conclusioni della nostra riflessione, utili per un successivo confronto di Caritas Diocesana con le singole realtà ecclesiali coinvolte.

Come Chiesa continuiamo a credere nel valore della “persona” e della “comunità”, ma soprattutto nel Risorto che cammina in mezzo a noi e ci guida nel praticare il vangelo della carità. Anche se l’impegno verso l’altro concretamente si modifica (magari in modi che avremmo preferito differenti) e ci chiede di cambiare passo, rimane occasione inesauribile di speranza.

don Fabio Fornera, vicario episcopale per la pastorale

 

ACCOGLIERE NUOVAMENTE

In questi anni nella nostra diocesi diverse comunità parrocchiali, congregazioni religiose, cooperative e associazioni laicali (circa una sessantina) hanno dato vita ad una forte esperienza di accoglienza dei richiedenti asilo (ad oggi ancora circa 400 sull’interno territorio diocesano) diffusa sul territorio, hanno messo a disposizione strutture abitative, ma soprattutto volontari (circa 200) e operatori (circa 60) che nel tempo hanno costruito un importante tessuto di accoglienza.

Si è intervenuti sempre in chiave sussidiaria e di collaborazione per sopperire alle necessità delle strutture pubbliche. Spesso si è stati accusati di fare i nostri interessi, dimenticando che ci siamo occupati di profughi e migranti su richiesta, a volte pressante, di Governi, Prefetture e Amministrazioni locali, che sapevano di poter contare da parte nostra anche su un valido aiuto di volontari.

Questo percorso é ora stravolto dalle conseguenze del Decreto Sicurezza e dai nuovi bandi delle Prefetture per l’accoglienza dei richiedenti asilo sul territorio della nostra diocesi. Vediamo così compromesso il cammino di cura delle persone, di mediazione e integrazione che ha, fino ad ora, contraddistinto il nostro impegno, sia per la riduzione del contributo da 35 a 21 € sia per i nuovi vincoli imposti all’accoglienza dai nuovi bandi.

Ad es. si tagliano l’insegnamento della lingua, l’assistenza psicologica (importante per donne e ragazzi che in Libia hanno subito torture e privazioni di ogni genere), la formazione professionale, le attività sociali ecc..

Quindi, come sottolineato anche dalle altre diocesi e Caritas italiane, si teme che si riduca l’accoglienza a «sorveglianza», «a un servizio alberghiero o simil-carcerario», dove all’inclusione si sostituisce un progetto «assistenzialistico o punitivo».

Proseguire su questa strada a queste condizioni ci risulta impossibile. Auspichiamo che questo richiami lo Stato a una nuova assunzione di responsabilità, e che comunque l’abbassamento degli standard non richiami ancor di più operatori ai margini della legalità.

Nelle prossime settimane le diverse cooperative valuteranno l’eventualità di partecipare o meno ai nuovi bandi, in un’ottica che sarà comunque di ridimensionamento, purtroppo anche del numero dei loro operatori. Vista però la dimensione di accoglienza come elemento fondamentale di una società civile, prima ancora che cristiana, ci sentiamo chiamati a rinnovare il nostro impegno, sempre nella logica della sussidiarietà.

Siamo tuttavia consapevoli di come la nostra disponibilità non potrà essere sufficiente a rispondere ai bisogni che già vediamo quotidianamente crescere in molti dei nostri servizi e siamo preoccupati delle difficoltà che la collettività si troverà ad affrontare, di fronte all’aumento di persone senza prospettive concrete, sia che ricevano o meno lo status di rifugiato.

 

Senza dimenticare che la chiusura di alcuni servizi Caritas “stagionali” come il dormitorio, (non ulteriormente prorogabili), farà emergere ancora di più l’assenza di risposte alle marginalità nuove, croniche o in transito, ormai affidate alla sola sensibilità delle strutture ecclesiali o del Terzo Settore.

Tutto questo mentre la Diocesi, attraverso la Caritas diocesana, le comunità parrocchiali e il laicato cattolico, si fa già carico di tante altre situazioni di fragilità: sul fronte del lavoro (pensiamo al rinnovato “fondo rete lavoro”), delle persone sole, vittime di dipendenze, di bambini, ragazzi e famiglie fragili, tenendo sempre presente anzitutto un chiaro orizzonte educativo.

Che fare in questa situazione?

Come comunità diocesana ci sentiamo chiamati ad un rinnovato impegno che possa coniugarsi in tre dimensioni.

– Le Cooperative della rete Caritas (Symploké, Altra Via e Agrisol ndr) e le associazioni che accoglievano in abitazioni parrocchiali non saranno più in grado, visti i nuovi bandi, di dare continuità a tutte le accoglienze attualmente in essere, pur con la presenza di volontari disponibili. Cercheranno tuttavia di accompagnare i soggetti più vulnerabili e coloro che stanno ultimando il loro percorso con esito positivo dal punto di vista del lavoro, dell’iter legale, delle prospettive personali.

– Di fronte all’inevitabile ridimensionamento dell’azione di cooperative e associazioni, chiediamo alle comunità già impegnate nell’accoglienza di proseguire in questa esperienza contando sulle proprie forze e sulla collaborazione della Caritas diocesana.

– Infine, chiediamo alle comunità in cui vi sia una disponibilità abitativa – sia per la chiusura di un percorso di accoglienza, sia per nuova disponibilità – di contattare la Caritas per farsi aiutare nell’avvio di esperienze di seconda accoglienza.

A tutte le comunità della diocesi rinnoviamo l’invito a mettere a disposizione tempo, preghiera, riflessione, volontari, aiuti concreti, generi di prima necessità che permettano alle persone accolte, nella comunità stessa o nel proprio vicariato, di inserirsi gradatamente in un cammino comunitario.

Per rendere complete queste proposte la Caritas diocesana si impegna a costruire e promuovere informazione e formazione su questa nuova prospettiva di accoglienze non solo per persone straniere (migranti e profughi) ma anche per tutte quelle persone fragili, italiane e straniere, che si avvicinano alle nostre comunità in cerca di aiuto e comprensione.

Ci auguriamo in conclusione che, in nessuna parrocchia restiamo con le mani in mano, o restino spazi inutilizzati, e tutti possano contribuire, secondo le proprie possibilità, nell’essere testimoni di Misericordia.

Il Consiglio Caritas della Diocesi di Como

 

 

 

 
VICARIATI E PARROCCHIE
  • LA CARTA DELLA DIOCESI
    >>> Vai     
 
INFORMAZIONE Newsletter, Pagina Caritas, Informa Caritas, In Caritas e tanto altro!  
CALENDARIO
Calendario Appuntamenti
NOTIZIE FLASH
Valnerina, al via i lavori del centro di comunità Il report della visita della delegazione della Caritas diocesana di Como nei luoghi devastati tre anni fa dal terremoto. La struttura finanziata dalla Caritas diocesana dovrebbe essere inaugurata nel prossimo mese di novembre...
"Scarp de' tenis", in distribuzione il numero di luglio È in vendita nelle parrocchie di Como il numero di luglio (233) della rivista “Scarp dè tenis”, il giornale dei senza dimora. Ecco i luoghi dove sarà distribuita la rivista...
Rebbio: procedono i lavori per la "Casa per l'infanzia" Procedono celermente in via Giussani a Como i lavori dell’impresa che sta realizzando la palazzina destinata a diventare un polo di servizi per l’infanzia nel quartiere di Rebbio...
Nuovo InformaCaritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stato pubblicato sul numero del 27 giugno 2019 de “il Settimanale della Diocesi di Como” il nuovo InformaCaritas...
Da oggi la Caritas diocesana ha un nuovo numero telefonico Vi informiamo che da oggi il nuovo numero telefonico della Caritas diocesana di Como è: 031.0353533...
Stop ai cassonetti vestiti usati: comunicazione Caritas La Caritas diocesana di Como, forte di una collaborazione in questo settore con il Comune di Como che dura dal 2001, esprime profondo rammarico per la fine di questo rapporto...
Servizi Caritas: le relazioni sociali 2018 Continua la pubblicazione delle Relazioni Sociali relative all’anno 2018 dei servizi Caritas. Di seguito pubblichiamo il documento del Centro di Ascolto di Mandello del Lario, Tremezzo, Cunardo e quello relativo ai servizi Caritas della Valchiavenna...
Nuova pagina Caritas su "il Settimanale della Diocesi di Como" È stata pubblicata sul numero de “il Settimanale della Diocesi di Como" del 30 maggio 2019 la nuova pagina Caritas...
CDA Lomazzo: presentata la Relazione sociale 2018 Pubblichiamo la relazione del CdA “Don Tonino Bello” di Lomazzo che è, per sua natura, una cartina tornasole di alcune povertà delle comunità dei tre vicariati di Fino Mornasco, Lomazzo e Cermenate...
Formazione: il report dell’incontro del vicariato di Gravedona Si è svolto lunedì 6 maggio scorso a Gravedona, il primo degli incontri formativi richiesti dal Vicariato di Gravedona volti a promuovere la nascita della Caritas Vicariale e rinnovare il Centro di Ascolto già presente, secondo le linee guida diocesane...
La Diocesi rinnova l’accoglienza: il documento del Consiglio Caritas Nelle ultime settimane il Vescovo Oscar con Caritas e Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio onlus si sono confrontati sul tema dei flussi migratori e dell’accoglienza. Ecco in sintesi la posizione della Diocesi e il documento del Consiglio Caritas...
Corridoi umanitari: accolte tre giovani eritree nelle Valli Varesine Sono state accolte nelle scorse settimane, nelle Valli Varesine, tre giovani donne eritree arrivate in Italia attraverso il protocollo dei Corridoi umanitari frutto dell’intesa, siglata nel 2017, dalla Chiesa italiana con il Ministero dell’interno...
Quaresima di fraternità, l’impegno Caritas in Sud Sudan Su “il Settimanale della Diocesi di Como” del 4 aprile 2019 possiamo leggere un’intera pagina dedicata al progetto che la Caritas diocesana di Como sostiene a favore degli studenti del Sud Sudan...
Proposte Giovani: con la Caritas nei campi per migranti in Serbia Di ritorno dalla rotta balcanica e dalla recente visita ai campi profughi in Bosnia e Serbia, la Caritas di Como vuole proporre ai giovani interessati una esperienza estiva di volontariato a favore degli ospiti dei campi...
Il nuovo servizio Whatsapp della Caritas diocesana La Caritas diocesana di Como ha organizzato un nuovo servizio Whatsapp per permettere a tutte le persone interessate di essere aggiornate costantemente sulle varie attività. Come iscriversi...
Symploké, lettera al direttore del “Settimanale” Ecco la “Lettera al direttore”, pubblicata sul numero del 7 marzo 2019 de “il Settimanale della diocesi di Como”, che contiene riflessioni del presidente della Cooperativa sociale Symploké, Stefano Sosio...
“Minori migranti, maggiori rischi”, dossier Caritas italiana Ogni giorno 44,4 persone sono obbligate a lasciare le proprie case. I minori sotto i 18 anni di età costituiscono circa la metà della popolazione rifugiata (circa 30 milioni). Pubblicato nuovo dossier di Caritas italiana...
Corridoi umanitari: famiglia irachena da Mosul a Como grazie a Caritas Arrivano dalla Piana di Ninive, da quelle terre che sono state culla del patrimonio culturale mondiale e casa dei Patriarchi, le cui vicissitudini leggiamo nell’Antico Testamento. Sono Hanna, Wasan e Mereya: papà, mamma e figlia...
“Il peso delle armi": 
il sesto Rapporto sui conflitti dimenticati È stata presentata a Roma, nel 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, la sesta edizione del rapporto di Caritas Italiana sui conflitti dimenticati. Nel 2017 i conflitti nel mondo sono stati 378; di questi, sono 20 le guerre ad elevata intensità...
Uggiate Trevano, il CdA compie 20 anni Il Centro di Ascolto di Uggiate Trevano ha tagliato il traguardo dei vent’anni di attività. Un servizio portato avanti dall’impegno gratuito, silenzioso e costante di tanti volontari
. Un servizio prezioso e gratuito, nato
 su impulso 
delle comunità parrocchiali della zona, per andare incontro alle tante fragilità del territorio...
Parrocchia di S.Orsola a Como, i corsi di italiano per stranieri Nei giorni scorsi si è aperto il nuovo anno di corsi della scuola di italiano per stranieri. I locali sono quelli della parrocchia di Como-Sant’Orsola, ma ne esistono due gemmazioni: una a Rebbio, sempre presso la parrocchia, l’altra a Cernobbio...
Il Centro Diurno “L’Incontro” di Como festeggia 10 anni Su “il Settimanale della Diocesi di Como” del 25 ottobre 2018 è pubblicata una interessante pagina in occasione della ricorrenza dei 10 anni di fondazione del Centro Diurno “L’Incontro” della Caritas diocesana di Como...
Il dormitorio dei Comboniani di Rebbio cerca volontari Il dormitorio per senza dimora attivo presso i Comboniani di Rebbio cerca nuovi volontari. A lanciare l’appello tramite “il Settimanale della Diocesi di Como”, è il referente di Porta Aperta, Giuseppe Menafra...
Symploké: i toccanti racconti di Joshua ed Emmanuel Sul sito della Cooperativa sociale Symploké (www.symplokecoop.it) sono state pubblicate il 3 agosto scorso due toccanti storie di accoglienza sul nostro territorio...
Progetto CASA contro l'emergenza abitativa Sul "Settimanale" del 12 luglio è stata pubblicata una interessante pagina, a cura della giornalista Enrica Lattanzi, che fa il punto sul progetto C.A.S.A. (Comunità Aperta Solidale Accogliente) della Caritas diocesana di Como...
A Como il Negozio dell'Usato solidale: i nuovi orari Continua la sua attività a Como, in via Morazzone 17 (150 metri da via Milano), il “Negozio dell’Usato Solidale”, nato grazie all’impegno della Cooperativa “Si può fare” e altre realtà della città. I nuovi orari di apertura...
"Si può fare", nuovo negozio a Olgiate Comasco “Si Può Fare”, la Cooperativa voluta dalla Caritas diocesana e dall’associazione Ozanam per offrire opportunità lavorative a persone in difficoltà, amplia la sua attività con un nuovo negozio a Olgiate Comasco...
"Favole in viaggio. Venti storie migranti", il libro di Symploké La Cooperativa sociale Symploké ha da poco messo a punto un interessante progetto: la pubblicazione di "Favole in viaggio. Venti storie migranti". Stefano Sosio, operatore di Symploké e responsabile del progetto, ci illustra nei dettagli come è nato questo interessante libro...
Collane e bracciali solidali per il Brasile Un'iniziativa particolare a sostegno del progetto internazionale di Caritas dedicato al Brasile: la “vendita” a offerta minima di bellissime collane e braccialetti realizzati a mano dalle donne di San Paolo...
Nuovi documenti pubblicati da Caritas Italiana Numerosi nuovi dossier sulle situazioni di crisi internazionali sono leggibili e scaricabili nella sezione "Area promozione umana" del nostro sito alla pagina "Immigrazione"...
News precedente      News successiva
FONDAZIONE CARITAS
La Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio OnlusLa Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio Onlus si propone di provvedere nel territorio della Diocesi di Como, ed in particolare con l’Ordinario diocesano e l’ufficio Caritas, allo svolgimento di attività nel settore dell’assistenza sociale e precisamente alla promozione, al sostegno e alla gestione di iniziative e servizi a carattere caritativo-assistenziali
 
>>> Apri     
 

 
  

Usiamo i cookie - anche di terze parti - per consentirti un migliore utilizzo del nostro sito web. Per maggiori informazioni sui cookie, consulta la Informativa Estesa sui cookie.
Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

LEGGI INFORMATIVA         HO CAPITO, CHIUDI
NUOVO SITO CARITAS COMO: http://caritas.diocesidicomo.it/