Pubblicato il: 05/05/2023Categorie: NewsTag:

5 maggio 2023 – Il 1° maggio 2023, festa dei lavoratori, il Consiglio dei Ministri del Governo Meloni ha approvato il decreto legge sul lavoro (Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 32 – www.governo.it), che contiene una serie di disposizioni in materia di lavoro, fra cui la tanto attesa riforma del Reddito di cittadinanza (RdC).

Il RdC scompare a partire dal 1° gennaio 2024, sostituito da due nuove misure, l’Assegno di inclusione (Adi) per il contrasto alla povertà e che partirà, appunto, il prossimo 1° gennaio, e lo Strumento di attivazione (Sda), per l’attivazione nel mondo del lavoro delle persone a rischio di esclusione sociale e lavorativa, in vigore dal 1° settembre 2023.

Visto che il decreto sarà sottoposto alla discussione parlamentare nelle prossime settimane, proviamo a capire quali sono le principali novità rispetto al contrasto alla povertà, quali sono stati i passi in avanti compiuti rispetto al Reddito di Cittadinanza e proviamo a fare luce sugli aspetti su cui è ancora necessario aprire il dibattito per trovare soluzioni migliori rispetto a quanto previsto dal decreto.

Ecco l’approfondimento di Caritas Italiana 

Condividi questo articolo

Continua a leggere

Articoli correlati

  • Pubblicato il: 14/05/2024Categorie: News

    14 maggio 2024 - Dopo la colletta indetta dalla Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana lo scorso 18 febbraio a ...

    Leggi
  • Pubblicato il: 24/04/2024Categorie: News

    24 aprile 2024 - C’era anche una delegazione della Caritas diocesana di Como, guidata dal direttore Rossano Breda (con lui ...

    Leggi
  • Pubblicato il: 28/02/2024Categorie: News

    28 febbraio 2024 - Il 44° Convegno nazionale delle Caritas diocesane (il primo ospitato in Friuli Venezia Giulia) quest’anno ...

    Leggi