Pubblicato il: 21/11/2022Categorie: NewsTag: , ,

21 novembre 2022 – “Io ci metto il divano” è la nuova campagna di sensibilizzazione e coinvolgimento sociale organizzata da Vicini di Strada, la rete degli enti che si occupano delle persone senza dimora e in grave difficoltà della città di Como. L’obiettivo è semplice: attraverso la condivisione in famiglia – e con il coinvolgimento di amici e parenti – del documentario “Como Blues”, realizzato nel 2018 dall’agenzia milanese “Prospekt” e dalla Cooperativa sociale Symploké di Como, è possibile fare opera di conoscenza e di sensibilizzazione sulla realtà dei senza dimora e della grave marginalità in città. “Como Blues” infatti è un mediometraggio che racconta – con cineprese, strumenti musicali e microfoni – la realtà della grave marginalità mettendo in evidenza, anche in chiave artistica, passioni e interessi, momenti di incontro e di relazione nella vita di tutti i giorni.

Quali sono le istruzioni per contribuire alla campagna e farla diventare “virale”?
Semplice. Basta scegliere una data e invitare amici, conoscenti e parenti a casa, sedere sul divano e guardare insieme il documentario “Como Blues”. Dopo aver raccolto commenti e impressioni “a caldo” si scatta una foto di tutta la compagnia e si condivide il tutto sui social media taggando @vicinidi strada e usando #iocimettoildivano e #comoblues; oppure inviando a Luca una mail (l.marchesi@symplokecoop.it) o un messaggio Whatsapp (375 6690643).

Ricordiamo che è possibile vedere il documentario “Como Blues” sul sito di Vicini di Strada: https://www.vicinidistrada.it/progetti/como-blues/

La storia di “Como Blues”

La città degli invisibili esce dall’ombra e raggiunge il grande schermo. Nato all’interno del più ampio progetto-contenitore “S-coinvolgimenti sociali”, Como Blues è un video-racconto sulla città di Como attraverso le parole, la musica e le storie di cittadini comaschi con e senza dimora, un punto di vista che abitualmente non viene osservato.

Nell’estate 2018 Como Blues ha esplorato Como con la telecamera e una troupe composta anche da persone senza dimora che hanno condiviso l’ideazione e la realizzazione del documentario.
Ne è emersa una città parallela e bellissima: la città degli invisibili che esce dall’ombra e raggiunge il grande schermo.
Per chi lo ha visto – proiettato in tre occasioni: nel foyer del Teatro Sociale, al Teatro Lucernetta e nella sala della Biblioteca comunale di Como – è stata un’occasione importante per affacciarsi a un mondo diverso con occhi nuovi, liberarsi da pregiudizi, sorridere e commuoversi contagiati dalla bellezza della solidarietà vissuta sulla propria pelle.
Il video, promosso dalla rete Vicini di strada, è stato realizzato dalla Cooperativa Symplokè e dall’agenzia fotografica Prospekt.
L’autore è Samuele Pellecchia, artista, fotografo e regista.

Grande emozione ha suscitato la notizia della nomination al Fusion International Film Festival South Europe di Valencia.
Nel giugno del 2019 una “delegazione” di protagonisti (attori, promotori e produttori) ha “accompagnato” il film al Festival per una “tre giorni” a sorpresa. Ne è scaturita un’esperienza unica, intensa e un po’ stralunata di cui uno dei partecipanti, Vinicio, ha dato una struggente e divertentissima testimonianza nel racconto che pubblichiamo integralmente nella nostra raccolta.

Condividi questo articolo

Continua a leggere

Articoli correlati

  • Pubblicato il: 18/11/2022Categorie: News

    18 novembre 2022 - Donare intimo da uomo ai senza dimora della città di Como. Dopo il successo dello ...

    Leggi
  • Pubblicato il: 10/11/2022Categorie: La Caritas si racconta, Storie

    10 novembre 2022 - «Tutto è iniziato nel 2011. Gestivo da circa 7 anni un bar a Treviso, in ...

    Leggi
  • Pubblicato il: 15/06/2022Categorie: Como città di Confine, News

    15 giugno 2022 - Il Centro Diurno “L’Incontro” di via Giovio 42 a Como - il luogo di accoglienza ...

    Leggi