Pubblicato il: 21/04/2023Categorie: NewsTag:

21 aprile 2023 – In rappresentanza della Caritas diocesana di Como, abbiamo avuto la possibilità di vivere il 43° Convegno delle Caritas diocesane, svoltosi in quel di Salerno dal 17 al 20 aprile. È stata l’occasione di incontrare circa 600 persone che vivono l’esperienza Caritas in contesti culturali e geografici anche molto diversi dal nostro. Questa è allo stesso tempo una sfida e un’opportunità ed è anche indice del fatto che ogni realtà Caritas si radica nel proprio territorio e opera in conseguenza dei bisogni che incontra.

Da destra, Rossano Breda, Beppe Menafra e Samuele Brambilla

 

Le giornate sono state ritmate da momenti di spiritualità, ascolto di testimonianze, riflessioni e lavori di gruppo. Senza dimenticare la calorosa accoglienza riservataci dalla Delegazione delle Caritas campane.

Lo stile che contraddistingue Caritas dell’ascolto, dell’osservazione e del discernimento con gli orientamenti delle tre vie (la via degli ultimi, la via del Vangelo e la via della creatività, ndr) che Papa Francesco aveva consegnate a Caritas Italiana per il 50°, le abbiamo viste nei volti e nelle storie delle tante persone che a vario titolo operano in Caritas.

Il titolo e tema del Convegno era “Agli incroci delle strade. Abitare il territorio, abitare le relazioni”. Tra le domande emerse alcune ci hanno particolarmente provocato, come ad esempio: «Siamo davvero sicuri che nelle periferie c’è qualcuno che ci aspetta? Ci prendiamo il tempo e creiamo gli spazi per tessere relazioni autentiche?». E ancora: «Ci è chiesto di fare il bene, ma prima e soprattutto di voler bene».
Questo è il primo mandato di un Dio che è Amore e che ci chiede di essere per gli altri segno visibile di questo amore incondizionato.
Un altro invito che abbiamo raccolto è quello di costruire alleanze dentro ma anche fuori da Caritas, in una cultura sinodale che metta al centro la persona e la sua interezza.

Eventi come questo sono anche una preziosa occasione di confronto e di reciproca conoscenza, sia attraverso i momenti ufficiali, ma anche nei dialoghi informali a tavola o in altri momenti liberi.
Torniamo a casa grati per quanto abbiamo ricevuto, con la speranza di riuscire ad essere testimoni a nostra volta della ricchezza che ci è stata donata in queste giornate.

Rossano Breda, direttore della Caritas diocesana di Como
Beppe Menafra, vicedirettore
Samuele Brambilla, operatore

Condividi questo articolo

Continua a leggere

Articoli correlati

  • Pubblicato il: 13/03/2024Categorie: News

    13 marzo 2024 – Dopo la colletta indetta dalla Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana lo scorso 18 febbraio a ...

    Leggi
  • Pubblicato il: 28/02/2024Categorie: News

    28 febbraio 2024 - Il 44° Convegno nazionale delle Caritas diocesane (il primo ospitato in Friuli Venezia Giulia) quest’anno ...

    Leggi
  • Pubblicato il: 13/02/2024Categorie: News

    13 febbraio 2024 – Siamo all'inizio del Tempo di Quaresima, un tempo propizio e caratterizzato da tre momenti essenziali ...

    Leggi