Pubblicato il: 01/03/2024Categorie: NewsTag: , ,

1 marzo 2024 – “Spazio Donne” al Centro Diurno di via Giovio 42 a Como: dopo un periodo di sperimentazione di alcune settimane, inizia nel mese di marzo questa bella iniziativa dedicata alle donne senza dimora della città.

Sono 4 momenti – al giovedì mattina dalle 9.30 alle 11.30 – pensati proprio a loro: il 7 marzo con un momento di benessere, il 14 dedicato all’arteterapia, il 21 alla manicure e, infine il 28 finalizzato alla string art (la realizzazione di opere creative con i fili colorati).

Alessio Cantaluppi

«Iniziamo questa nuova esperienza – sottolinea Alessio Cantaluppi, operatore e responsabile del Centro Diurno “L’Incontro” della Caritas diocesana di Como – grazie alla collaborazione della Fondazione Somaschi e dell’Associazione di promozione sociale Lachesi di Como. Le loro operatrici, infatti, saranno impegnate a seguire le nostre ospiti in questi giovedì mattina, dedicati esclusivamente a loro. Come si evince dal programma abbiamo pensato principalmente alla cura della persona e a momenti dedicati alla creatività – con il coinvolgimento di una tirocinante – come occasione per rielaborare i propri vissuti, i propri disagi e le fatiche di un’esistenza vissuta ai margini della società. Uno spazio tutto al femminile è altresì importante, anche perché la stragrande maggioranza dei senza dimora in città è rappresentata da uomini con i quali, per le stesse donne, non è sempre facile condividere spazi e ambienti, come a volte avviene anche nello stesso Centro Diurno».

«Occorre anche sottolineare – ricorda l’operatore Caritas – che in città non esiste un servizio diurno esclusivo dedicato alle donne senza dimora e, quindi, questo progetto vuole proprio supplire a una carenza che di anno in anno diventa sempre più evidente, anche alla luce delle crescenti problematiche e fragilità che caratterizzano la componente femminile della grave marginalità».

Per questo motivo “Spazio Donne” sarà sicuramente un appuntamento che si ripeterà anche ad aprile e nei mesi successivi.
«Certo – conclude Alessio Cantaluppi – il nostro auspicio è che questa iniziativa si consolidi nel tempo e possa diventare un’opportunità importante per rafforzare le relazioni di fiducia con le operatrici presenti e per alcune ospiti anche un’occasione per iniziare percorsi personalizzati di recupero, di rinascita e di ripartenza».

Aiutaci ad aiutare

Condividi questo articolo

Continua a leggere

Articoli correlati

  • Pubblicato il: 12/04/2024Categorie: News

    12 aprile 2024 - Nasce a Cittiglio un nuovo punto di ascolto, voluto e realizzato dal Centro di Ascolto ...

    Leggi
  • Pubblicato il: 02/04/2024Categorie: News

    2 aprile 2024 - Una data da segnare in agenda: il prossimo 14 aprile alle 20.45 - su invito ...

    Leggi
  • Pubblicato il: 08/03/2024Categorie: News

    8 marzo 2024 - «Ho organizzato questa piccola festa a Casa Nazareth per ringraziare tutte le persone, in particolare ...

    Leggi